Italia markets close in 6 hours 19 minutes
  • FTSE MIB

    27.017,95
    -120,03 (-0,44%)
     
  • Dow Jones

    35.719,43
    +492,40 (+1,40%)
     
  • Nasdaq

    15.686,92
    +461,76 (+3,03%)
     
  • Nikkei 225

    28.860,62
    +405,02 (+1,42%)
     
  • Petrolio

    72,23
    +0,18 (+0,25%)
     
  • BTC-EUR

    44.522,07
    -1.253,00 (-2,74%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.304,63
    -16,65 (-1,26%)
     
  • Oro

    1.790,50
    +5,80 (+0,32%)
     
  • EUR/USD

    1,1284
    +0,0011 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.686,75
    +95,08 (+2,07%)
     
  • HANG SENG

    23.996,87
    +13,21 (+0,06%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.263,75
    -12,45 (-0,29%)
     
  • EUR/GBP

    0,8524
    +0,0015 (+0,18%)
     
  • EUR/CHF

    1,0426
    +0,0008 (+0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,4239
    -0,0007 (-0,05%)
     

Eurozona: a novembre indici PMI in aumento ma pesa aumento contagi Covid

·1 minuto per la lettura

Nella zona euro, l’indice PMI servizi in novembre è pari a 56,6 punti, in aumento rispetto al precedente 54,6 punti contro la previsione a 53,5 punti. Il PMI è pari a 55,8 punti, in aumento rispetto al precedente 54,2 punti e quello manifatturiero segna 58,6 punti, in aumento rispetto al precedente 58,3 punti. “Una più forte espansione dell'attività imprenditoriale a novembre ha sfidato le aspettative degli economisti di un rallentamento, ma è improbabile che impedisca alla zona euro di subire una crescita più lenta nel quarto trimestre, soprattutto perché i crescenti casi di contagi da corona virus sembrano destinati a causare nuove interruzioni dell'economia a dicembre” così scrive Markit. "Il settore manifatturiero rimane ostacolato dai ritardi nell'approvvigionamento, limitando la crescita della produzione a uno dei tassi più bassi visti dai primi lockdown del 2020. Il miglioramento delle prestazioni del settore dei servizi potrebbe nel frattempo rivelarsi frustrante e di breve durata se dovessero essere imposte nuove restrizioni per la lotta al virus. Il settore dei viaggi e delle attività ricreative ha già visto la crescita deteriorarsi bruscamente dall'estate scorsa”. “"Non sorprende che, dato il mix di ritardi nelle forniture, l'impennata dei costi e le rinnovate preoccupazioni in merito alla recrudescenza del COVID-19, l'ottimismo delle imprese sia sceso al minimo da gennaio, aggiungendo rischi al ribasso a breve termine per l'economia della zona euro".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli