Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.429,41
    -147,10 (-0,60%)
     
  • Dow Jones

    33.800,60
    +297,03 (+0,89%)
     
  • Nasdaq

    13.900,19
    +70,88 (+0,51%)
     
  • Nikkei 225

    29.768,06
    +59,08 (+0,20%)
     
  • Petrolio

    59,34
    -0,26 (-0,44%)
     
  • BTC-EUR

    50.250,06
    -843,01 (-1,65%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.235,89
    +8,34 (+0,68%)
     
  • Oro

    1.744,10
    -14,10 (-0,80%)
     
  • EUR/USD

    1,1905
    -0,0016 (-0,13%)
     
  • S&P 500

    4.128,80
    +31,63 (+0,77%)
     
  • HANG SENG

    28.698,80
    -309,27 (-1,07%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.978,84
    +1,01 (+0,03%)
     
  • EUR/GBP

    0,8682
    +0,0008 (+0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,0997
    -0,0015 (-0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4909
    -0,0055 (-0,36%)
     

Eurozona: per la prima volta in sei mesi economia ritorna a crescere, migliora Pmi servizi e manifattura

Daniela La Cava
·1 minuto per la lettura

Grazie agli incrementi record della produzione manifatturiera e in linea con la progressiva ripresa della domanda globale dalla fase pandemica, l’attività economica dell’eurozona del mese di marzo torna a segnare una crescita. Nel dettaglio, la lettura flash del Pmi delle attività terziarie nella zona euro si è attestato a 48,8 punti contro i 45,7 a febbraio, registrando valore più alto in 7 mesi. E balza a quota 62,4 il flash Pmi del manifatturiero contro i 57,9 del mese passato. Si tratta di un record da giugno 1997. "L’economia dell’eurozona ha superato a marzo ogni previsione, mostrando un’espansione molto più forte di quella anticipata grazie principalmente all’aumento record della produzione manifatturiera", ha commentato Chris Williamson, chief business economist presso Ihs Markit, sottolineando che "il settore dei servizi resta l’anello debole dell’economia, anche qui però il tasso di declino è risultato più moderato. Le aziende terziarie hanno infatti tratto vantaggio dalla ripresa del settore manifatturiero, i clienti hanno adattato il loro stile di vita alla pandemia e le prospettive per il futuro sono rimaste relativamente positive".