Italia markets close in 4 hours 16 minutes
  • FTSE MIB

    22.598,40
    +99,51 (+0,44%)
     
  • Dow Jones

    30.814,26
    -177,24 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,10 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.633,46
    +391,25 (+1,39%)
     
  • Petrolio

    52,59
    +0,23 (+0,44%)
     
  • BTC-EUR

    30.773,82
    +600,83 (+1,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    739,02
    +3,88 (+0,53%)
     
  • Oro

    1.839,80
    +9,90 (+0,54%)
     
  • EUR/USD

    1,2133
    +0,0050 (+0,41%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    29.642,28
    +779,51 (+2,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.611,90
    +9,23 (+0,26%)
     
  • EUR/GBP

    0,8909
    +0,0021 (+0,24%)
     
  • EUR/CHF

    1,0773
    +0,0017 (+0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,5441
    +0,0046 (+0,30%)
     

Eurozona: Pmi manifatturiero novembre (finale) a 53,8 punti, prosegue fase di ripresa

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

Si riconferma a novembre la forte crescita nel manifatturiero nell'Eurozona. L'indice Pmi manifatturiero, elaborato dall'istituto IHS Markit, si è contratto leggermente a novembre, passando a 53,8 punti dai 54,8 di ottobre, ma è risultato leggermente migliore della stima preliminare. L’incremento inoltre si è mantenuto ben al di sopra della media a lungo termine dell’indagine. Guardando ai singoli paesi, la Germania è stata la nazione a riportare i risultati migliori, seguita dai Paesi Bassi e l’Irlanda. Forti crescite sono state osservate in Austria e Italia, a differenza delle marginali contrazioni riportate in Spagna e Francia. La Grecia è rimasta la nazione che di gran lunga ha registrato i risultati peggiori. “Il settore manifatturiero dell’eurozona ha continuato a registrare a novembre un decente livello di crescita - ha commentato Chris Williamson, Chief Business Economist presso IHS Markit - Malgrado il tasso di espansione sia diminuito rispetto al valore record in 32 mesi di ottobre per le nuove misure restrittive, la crescita continua dovrebbe aiutare a ridurre l’impatto della crisi economica data dalle misure di contenimento da Covid-19, che ha colpito duramente il settore dei servizi. L’indagine quindi aggiunge evidenze che la regione eviterà durante l’ultimo trimestre dell’anno una contrazione simile a quella registrata nel secondo trimestre".