Italia markets close in 5 hours 46 minutes
  • FTSE MIB

    21.174,98
    +108,43 (+0,51%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,29 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,87 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    26.431,55
    -722,28 (-2,66%)
     
  • Petrolio

    78,15
    -0,59 (-0,75%)
     
  • BTC-EUR

    19.801,65
    -61,33 (-0,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    438,38
    -6,16 (-1,38%)
     
  • Oro

    1.652,50
    -3,10 (-0,19%)
     
  • EUR/USD

    0,9661
    -0,0027 (-0,28%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.855,14
    -78,13 (-0,44%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.348,23
    -0,37 (-0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,9015
    +0,0082 (+0,92%)
     
  • EUR/CHF

    0,9534
    +0,0025 (+0,27%)
     
  • EUR/CAD

    1,3167
    -0,0002 (-0,01%)
     

Eurozona: a settembre PMI manifatturiero scende a minimi 27 mesi

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 23 set. (askanews) - A settembre l'indice PMI manifatturiero dell'eurozona è sceso a 48,5 dai 49,6 di agosto, toccando il minimo da 27 mesi. L'indice PMI Composito della produzione è sceso a a 48,2 da 48,9 di agosto, valore minimo in 20 mesi, mentre l'indice PMI dei servizi è calato a 48,9 dal precedente 49.8, sui minimi degli ultimi 19 mesi.

A settembre, sottolinea S&P Global, "si intensifica il calo dell'economia dell'eurozona, registrando il terzo mese consecutivo di contrazione dell'attività economica". "Anche se solo modesto, il tasso di declino è accelerato ad un ritmo che, escluso il periodo di restrizioni anti-pandemia, è stato il più forte dal 2013", spiega. "Gli indicatori anticipatori di tendenze, quali l'afflusso dei nuovi ordini, il lavoro inevaso e le aspettative future indicano che la contrazione incrementerà nei prossimi mesi".

Il peggioramento, rileva ancora S&P Global, "è stato osservato sia nel manifatturiero sia nel terziario, con un maggiore deterioramento della domanda in entrambi i settori visto l'aumento del costo della vita e le prospettive future sempre più cupe. L'impennata dei prezzi energetici ha aggiunto peso ulteriore sui costi delle aziende, in alcuni casi limitandone la produzione, facendo schizzare in alto gli indicatori dei prezzi e registrando una nuova accelerazione delle pressioni inflazionistiche".