Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.635,99
    +145,30 (+0,41%)
     
  • Nasdaq

    15.404,27
    +168,43 (+1,11%)
     
  • Nikkei 225

    28.820,09
    -278,15 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,1686
    +0,0080 (+0,69%)
     
  • BTC-EUR

    52.438,97
    +1.684,72 (+3,32%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.479,39
    +60,01 (+4,23%)
     
  • HANG SENG

    25.555,73
    -73,01 (-0,28%)
     
  • S&P 500

    4.583,62
    +31,94 (+0,70%)
     

Evergrande: Meritocrazia Italia, 'non sia standard & poor’s'

·1 minuto per la lettura

"Dopo l’emergenza Covid-19 una nuova pandemia rischia di abbattersi questa volta sul panorama finanziario mondiale. Le origini si tracciano sempre in Cina. Evergrande, il secondo maggiore colosso cinese del mattone, è gravato da un debito di 305 miliardi di dollari e rischia il default. Ovvio che a rimetterci sarebbero i lavoratori, i creditori e gli investitori che hanno acquistato immobili che, con ogni probabilità, non vedranno mai realizzazione Uno di quei (non rari) casi, insomma, in cui l’interesse speculativo di pochi è destinato a ledere gli interessi della maggioranza. La vicenda ha contorni opachi". Lo scrive in una nota Meritocrazia Italia.

"Da un’indagine commissionata dalla Banca Mondiale - prosegue Meritocrazia Italia - è emerso che gli ex vertici fecero pressione sullo staff affinché nel report del 2018 fosse migliorato di sette gradini il posizionamento di Pechino rispetto a quello assegnatogli. La Presidente della Banca Centrale Europea Christine Lagarde rassicura sul monitoraggio della crisi. In Europa, e nell’area Euro in particolare, l’esposizione diretta sarebbe limitata. Eppure in molti parlano di una nuova Lehman Brothers, procurando ansie e fermento. L’andamento delle principali borse fa crescere lo stato di apprensione".

"Va da sé - rimarca - che le preoccupazioni sono amplificate dagli affanni procurati dalla recente emergenza e dalla crisi economica ancora in corso. Una volta di più, Meritocrazia Italia chiede che venga fatta chiarezza sulle origini e sugli sviluppi del problema, perché siano distribuite le eventuali responsabilità, siano contenuti gli effetti deleteri di operazioni speculative contrarie a ogni idea di finanza equa ed inclusiva e si scongiuri il rischio di rivivere l’esperienza dell’effetto domino che ha portato alla crisi del mercato finanziario e immobiliare mondiale esplosa nel 2008. Si conserva fiducia nell’operato degli organi internazionali competenti", conclude Meritocrazia Italia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli