Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.489,18
    +211,61 (+0,81%)
     
  • Dow Jones

    35.294,76
    +382,20 (+1,09%)
     
  • Nasdaq

    14.897,34
    +73,91 (+0,50%)
     
  • Nikkei 225

    29.068,63
    +517,70 (+1,81%)
     
  • Petrolio

    82,66
    +1,35 (+1,66%)
     
  • BTC-EUR

    52.525,79
    -1.020,35 (-1,91%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.464,06
    +57,32 (+4,07%)
     
  • Oro

    1.768,10
    -29,80 (-1,66%)
     
  • EUR/USD

    1,1606
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.471,37
    +33,11 (+0,75%)
     
  • HANG SENG

    25.330,96
    +368,37 (+1,48%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.182,91
    +33,85 (+0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8437
    -0,0041 (-0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0701
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4344
    +0,0001 (+0,01%)
     

Evergrande, principale alleato conferma vendita azioni

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 23 set. (askanews) - Evergrande sta gradualmente perdendo uno dei suoi principali investitori. Joseph Lau, assieme alla moglie Kimbie Chan, hanno annunciato oggi di aver venduto 108,9 milioni di azioni del gruppo di sviluppo immobiliare cinese, al centro delle turbolenze di mercato perché a rischio default, tra il 30 agosto e il 21 settembre, come era stato preannunciato la scorsa settimana.

Chinese Estates, la loro compagnia, ha spiegato oggi di essere scesa al 5,7 per cento delle azioni dal 6,5 per cento e di aver realizzato con la vendita delle azioni una perdita pari a 9,5 miliardi di dollari di Hong Kong (circa un miliardo di euro).

"I direttori sono cauti e preoccupati sul recente sviluppo di China Evergrande Group, comprese certe rivelazioni fatte da China Evergrande Group che suscitano inquietudine" si legge in un comunicato di Chinese Estates, che ha inteso recuperare "immediata liquidità" pwer "ricollocarla per altre opportunità d'investimento laddove dovessero emergere".

Il disimpegno di Chinese Estates da Evergrande è costante, se pensiamo che alla fine dello scorso anno deteneva una quota del 35 per cento circa tra azioni e bond. Sommmando sia le azioni che le obbligazioni, la famiglia Lau lo scorso mese era al 14,6 per cento. Negli annunci odierni non si fa cenno ai bond.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli