Italia Markets open in 8 hrs 6 mins

Ex Ilva, ArcelorMittal annuncia stop a gennaio

Ex Ilva di Taranto. REUTERS/Ciro De Luca

L'ex Ilva di Taranto verso lo spegnimento. L'ad di ArcelorMittal Italia, Lucia Morselli, ha comunicato ai sindacati il piano di chiusure degli impianti del siderurgico. Prima l’altoforno 2 che verrà spento il 12 dicembre, poi l’altoforno 4 il 30 dicembre, quindi l'altoforno 1 il 15 gennaio.

LEGGI: Che cos'è lo scudo penale richiesto da Arcelor Mittal?

"Se ancora non fosse chiaro, la situazione sta precipitando in un quadro drammatico che non consente ulteriori tatticismi della politica" ha affermato Marco Bentivogli, segretario generale Fim Cisl.

LEGGI ANCHE: Ilva, Patuanelli: Arcelor non ha diritto di recesso

“La Rsu ha chiesto in che prospettive ci si muove e se intendono fare dichiarazioni di esuberi, discussione che l'azienda ha rinviato al tavolo ministeriale di domani. Questo piano di fermate modifica sostanzialmente le previsioni contenute nell'Autorizzazione Integrata Ambientale - spiega il sindacalista - pertanto l'azienda si confrontera' con il ministero dell'Ambiente su questo cambio di programma"

GUARDA ANCHE: 5 domande su...l'Ilva di Taranto


Sull'argomento anche leader della Cgil, Maurizio Landini, ospite di Tagadà su La7: "La situazione è difficile e i tempi delle decisioni devono essere rapidi. Per noi non ci sono le condizioni per recedere dal contratto, per noi ArcelorMittal deve applicare tutte le parti del contratto - il segretario generale ha poi aggiunto - Non voglio perdere neanche un posto di lavoro, non è una discussione accettabile quella sugli esuberi. Lì si deve continuare a produrre acciaio, garantendo la salute di cittadini e lavoratori"