Italia markets closed
  • FTSE MIB

    17.943,11
    +70,83 (+0,40%)
     
  • Dow Jones

    26.501,60
    -157,51 (-0,59%)
     
  • Nasdaq

    10.911,59
    -274,00 (-2,45%)
     
  • Nikkei 225

    22.977,13
    -354,81 (-1,52%)
     
  • Petrolio

    35,72
    -0,45 (-1,24%)
     
  • BTC-EUR

    11.615,16
    +227,29 (+2,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    265,42
    +1,78 (+0,68%)
     
  • Oro

    1.878,80
    +10,80 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1650
    -0,0029 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.269,96
    -40,15 (-1,21%)
     
  • HANG SENG

    24.107,42
    -479,18 (-1,95%)
     
  • Euro Stoxx 50

    2.958,21
    -1,82 (-0,06%)
     
  • EUR/GBP

    0,8992
    -0,0040 (-0,44%)
     
  • EUR/CHF

    1,0672
    -0,0013 (-0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,5515
    -0,0035 (-0,23%)
     

Ex Ilva in sciopero giovedì

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"La fabbrica è insicura. Sono oramai pesantissime ed inaccettabili le ricadute determinatesi attorno alla vertenza Arcelor Mittal, dove multinazionale e Governo hanno deciso ciò che questo territorio non merita: ovvero di non decidere". Su queste basi Fim Fiom Uilm e Usb di Taranto motivano lo sciopero di 24 ore del 24 settembre prossimo dai lavoratori del sito di ArcelorMittall di Taranto ma anche di quelli dell'appalto e di Ilva in amministrazione straordinaria.

E i lavoratori ex Ilva di Taranto si danno appuntamento a Roma: i sindacati infatti assieme allo sciopero di giovedì prossimo hanno organizzato un presidio presso la portineria 'C' della fabbrica "per non con consentire la commercializzazione dei prodotti all’ingresso e all’uscita del valico" e, contestualmente un presidio davanti a Palazzo Chigi sempre per il 24 settembre. I sindacati hanno chiesto una convocazione immediata anche al Prefetto di Taranto.

"La condizione di abbandono ed insicurezza degli impianti e dei lavoratori sono divenute tali da non poter permettere ulteriori considerazioni di circostanza sulla profonda lacerazione di un sistema che, ad ogni ora che trascorre, fa tremare e mette a serio rischio l’incolumità delle persone. Inoltre, nessuna considerazione può essere formulata per quanto attiene le ricadute in termini ambientali, vista la parziale o in alcuni casi totale applicazione della messa in sicurezza degli impianti, che questo protratto stato di cose, nei fatti, tiene sotto scacco un territorio e una cittadinanza devasta", spiegano unitariamente Fim Fiom Uilm e Usb che ancora non hanno ricevuto alcuna risposta dalla lettera del 18 settembre scorso.