Italia Markets open in 4 hrs 12 mins

Exor sotto pressione per colpa di PartnerRe, ma broker bullish

Davide Pantaleo
 

Cala il sipario su una giornata decisamente pesante per Exor che è stato tra i più penalizzati dalle vendite nel paniere del Ftse Mib. Il titolo, dopo due sessioni consecutive in rialzo e dopo aver chiuso la giornata di ieri con un progresso di circa un punto percentuale, quest'oggi ha dovuto fare i conti con un duro attacco da parte dei ribassisti. Exor, dopo aver segnato nell'intraday un minimo a 58,86 euro, ha terminato gli scambi a 59,52 euro, con un ribasso del 2,74% e circa 450mila azioni trattate, sostanzialmente in linea con la media giornaliera degli ultimi tre mesi.

I conti del 4° trimestre di PartnerRe (NYSE: PRE-PF - notizie)

Exor ha mostrato quest'oggi una maggiore debolezza relativa rispetto al mercato, penalizzato dai risultati della controllata PartnerRe. quest'ultima ha chiuso il quarto trimestre del 2017 con un utile netto di 72 milioni di dollari, in netto recupero rispetto alla perdita di 191 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente. Con riferimento all'intero 2017 l'utile si attesa a 218 milioni di dollari, con una flessione del 44%, ma al netto di alcune voci straordinarie il dato sale a 250 milioni di dollari, collocandosi comunque nella parte bassa della guidance fornita in occasione dell'Investor Day di ottobre scorso tra 200 e 300 milioni di dollari.
Il dato degli ultimi tre mesi del 2017 è stato impattato dai costi per gli incendi in California che hanno pesato nell'ordine di circa 120 milioni di dollari.

Le indicazioni per l'esercizio in corso

Per l'esercizio in corso PartnerRe non ha fornito guidance quantitative, ma indicazioni qualitative positive con riferimento all’aumento a doppia cifra dei premi nel business delle catastrofi, che pesa meno del 10% del totale.
Sulla base dei risultati diffusi, gli analisti di Equita SIM hanno deciso di alzare leggermente la valutazione di PartnerRe, confermandola intorno a 1 volta il book value del capitale ordinario.
L'impatto è comunque modesto dato che il peso di PartnerRe e? sceso al 26% del Net Asset Value di Exor, da oltre il 50% quando venne acquisita nel 2015, per effetto della rivalutazione degli asset quotati.

La view di Equita SIM

La SIM milanese mantiene una view neutrale su Exor, con una raccomandazione "hold" e un prezzo obiettivo alzato dell'11% a 69 euro, essenzialmente per l’aggiornamento degli asset quotati e continuando ad applicare uno sconto del 15% sul NAV.

Le indicazioni bullish di Kepler Cheuvreux e Mediobanca (Milano: MB.MI - notizie)

A rivedere la valutazione di Exor è stato anche Kepler Cheuvreux che ha migliorato il target price da 68,3 a 69 euro, mantenendo invariata la raccomandazione "buy".
Per il broker i risultati trimestrali di PartnerRe sono stati ancora deboli, ma con trend in miglioramento per l'anno in corso.

A scommettere su Exor è anche Mediobanca Securities che assegna al titolo un rating "outperform", con un fair value a 59,2 euro, già superato dai valori correnti di Borsa.

Secondo gli analisti, le catastrofi naturali verificatesi nel 2017 siano destinate ad incrementare sia i rinnovi delle coperture assicurative sia i prezzi, e questo dovrebbe avere ricadute positive su quest'anno.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online