Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.124,91
    +319,70 (+1,29%)
     
  • Dow Jones

    35.061,55
    +238,20 (+0,68%)
     
  • Nasdaq

    14.836,99
    +152,39 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    27.548,00
    +159,80 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    72,17
    +0,26 (+0,36%)
     
  • BTC-EUR

    29.303,95
    +370,87 (+1,28%)
     
  • CMC Crypto 200

    786,33
    -7,40 (-0,93%)
     
  • Oro

    1.802,10
    -3,30 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,1770
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • S&P 500

    4.411,79
    +44,31 (+1,01%)
     
  • HANG SENG

    27.321,98
    -401,86 (-1,45%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.109,10
    +50,05 (+1,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8560
    +0,0013 (+0,15%)
     
  • EUR/CHF

    1,0819
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4784
    +0,0003 (+0,02%)
     

Fabio Ciciliano (Cts): "Mix tra vaccini è sicuro e già utilizzato per altre malattie"

·Giornalista, HuffPost Italia
·1 minuto per la lettura
Fabio Ciciliano (Photo: Facebook)
Fabio Ciciliano (Photo: Facebook)

“La somministrazione eterologa di vaccini non è una novità nel panorama della profilassi delle malattie. È stata già impiegata per l’influenza e l’epatite B. Per l’immunizzazione da Covid-19, la combinazione è stata approvata ed è da tempo utilizzata con diverse modalità in Francia, Canada, Germania, Danimarca, Svezia, Norvegia e Regno Unito”. Lo dice al Corriere della sera Fabio Ciciliano, membro del Cts.

“Diversi studi clinici internazionali hanno evidenziato la capacità dell’eterologa di indurre una adeguata produzione di anticorpi. C’è ovviamente molta attenzione nel monitorare le reazioni avverse. In via preliminare è stata registrata una maggiore efficacia nella produzione di anticorpi con dosi eterologhe inoculate con un intervallo di 9-12 settimane (AstraZeneca-Pfizer) rispetto al protocollo vaccinale ‘omologo’”.

E sugli Open Day Astrazeneca, Ciciliano spiega: “Gli Open Day con AstraZeneca sono stati introdotti in alcune Regioni ben prima che il Cts si esprimesse per la prima volta nella seduta del 12 maggio al termine di una valutazione molto più articolata. In quei mesi, la circolazione virale era molto più sostenuta di adesso. Gli open day hanno contribuito alla drastica riduzione dei casi. Una rivalutazione era necessaria”.

E su Johnson&Johnson? “Fra loro esiste una sostanziale diversità nel dosaggio. J&J è monodose. Anche se in misura assai ridotta sono stati registrati alcuni eventi trombotici in soggetti che lo hanno ricevuto. Per il principio di massima precauzione l’Aifa ha previsto le medesime restrizioni di AstraZeneca. L’indubbio vantaggio della singola dose ha spinto il Cts a prevedere, in casi selezionati o in specifiche popolazioni che risulta difficile raggiungere una seconda volta, la possibilità di darlo anche agli under 60, previo ass...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli