Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.148,56
    -39,82 (-0,13%)
     
  • Nasdaq

    13.504,96
    +47,71 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    28.756,86
    +233,60 (+0,82%)
     
  • EUR/USD

    1,2152
    +0,0037 (+0,30%)
     
  • BTC-EUR

    26.220,74
    -2.629,91 (-9,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    630,42
    -49,49 (-7,28%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,71 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    3.849,33
    -2,52 (-0,07%)
     

Fabio Ciciliano (Cts): "Passiamo Natale con chi vive sotto il nostro tetto"

Luciana Matarese
·Giornalista
·2 minuto per la lettura
Two twin girls opening gifts with their grandparents at home for Christmas, wearing a protective face mask and maintaining social distancing (Photo: Ivan Pantic via Getty Images)
Two twin girls opening gifts with their grandparents at home for Christmas, wearing a protective face mask and maintaining social distancing (Photo: Ivan Pantic via Getty Images)

Il Natale sarà “sobrio”, il Cenone in compagnia dei parenti stretti, ossia di “coloro che normalmente frequentiamo in famiglia, quotidianamente, quelli che vivono sotto lo stesso tetto”, sottolinea dal Comitato tecnico scientifico Fabio Ciciliano. Medico esperto di medicina delle catastrofi e dirigente della Protezione Civile, nel Cts analizza documenti e dati e scrive i verbali delle riunioni poi trasmessi al Governo. Il 4 dicembre entrerà in vigore il Dpcm col quale si fisseranno nuove regole prima di tutto per spostamenti tra regioni e orari dei negozi nelle festività natalizie. Cenone, incontri con gli amici, pranzi coi nonni e visite ai parenti dovrebbero essere invece oggetto di raccomandazioni precise. Improntate al principio della massima prudenza, lo stesso che dall’inizio dell’epidemia ha informato scelte e pareri del Cts.

Che Natale ci aspetta, dottor Ciciliano?

Un Natale sobrio, in compagnia dei nostri cari più stretti, in una cornice surreale perché nel periodo natalizio, come mai negli altri periodi dellanno, è maggiore la voglia di socialità che è proprio quella che deve essere contenuta in questa contingenza epidemica.

La decisione più saggia a Natale sarebbe quella di non fare né pranzi né cene in famiglia per contenere la diffusione del virusha detto ieri il capo tecnico dellOms, Maria Van Kerkhove. È così? Sottoscrive questo invito?

Se dovessi ragionare in senso strettamente epidemiologico, le risponderei senza dubbio di sì. Ma luomo non è solo lospite del virus. Luomo è per sua natura un animale sociale - per citare Aristotele - ed è per questo che non riusciamo a stare soli. Abbiamo bisogno di compagnia, di rapporti sociali, di contatto fisico tra persone. È necessario cercare di trovare una sintesi tra esigenza assoluta di c...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.