Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.105,10
    -212,30 (-1,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9871
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Facebook, Meta licenzia 11mila persone

(Adnkronos) - Meta, società madre di Facebook, annuncia il taglio di 11.000 posti di lavoro, pari a circa il 13% della sua forza lavoro. Lo annuncia l'azienda in un comunicato. Si tratta del più grande taglio di posti di lavoro nella storia dell'azienda, che possiede anche l'app di messaggistica Instagram.

"Oggi condivido alcuni dei cambiamenti più difficili che abbiamo fatto nella storia di Meta. Ho deciso di ridurre le dimensioni del nostro team di circa il 13% e di separarci da 11.000 dipendenti di talento", ha scritto Mark Zuckerberg in un messaggio ai dipendenti pubblicato sul sito ufficiale, in cui si assume "la responsabilità di queste decisioni e di come siamo arrivati fin qui". "So che è dura per tutti, e sono particolarmente dispiaciuto per coloro che sono stati colpiti", ha ammesso.

Nella lettera Zuckerberg spiega che "all'inizio del Covid, il mondo si è spostato rapidamente online e l'impennata dell'e-commerce ha portato a una crescita dei ricavi smisurata. Molte persone hanno previsto che questa sarebbe stata un'accelerazione permanente che sarebbe continuata anche dopo la fine della pandemia. Anch'io l'ho fatto, quindi ho deciso di aumentare significativamente i nostri investimenti. Sfortunatamente, questo non è andato come mi aspettavo".

"Non solo il commercio online è tornato alle tendenze precedenti - ha continuato - ma la recessione macroeconomica, l'aumento della concorrenza e la perdita di segnali pubblicitari hanno fatto sì che le nostre entrate fossero molto più basse di quanto mi aspettassi. Ho sbagliato, e me ne assumo la responsabilità".