Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.848,58
    -214,97 (-0,93%)
     
  • Dow Jones

    30.932,37
    -469,64 (-1,50%)
     
  • Nasdaq

    13.192,35
    +72,92 (+0,56%)
     
  • Nikkei 225

    28.966,01
    -1.202,26 (-3,99%)
     
  • Petrolio

    61,66
    -1,87 (-2,94%)
     
  • BTC-EUR

    37.039,48
    -3.181,14 (-7,91%)
     
  • CMC Crypto 200

    912,88
    -20,25 (-2,17%)
     
  • Oro

    1.733,00
    -42,40 (-2,39%)
     
  • EUR/USD

    1,2088
    -0,0099 (-0,81%)
     
  • S&P 500

    3.811,15
    -18,19 (-0,48%)
     
  • HANG SENG

    28.980,21
    -1.093,96 (-3,64%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.636,44
    -48,84 (-1,33%)
     
  • EUR/GBP

    0,8667
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,0965
    -0,0048 (-0,43%)
     
  • EUR/CAD

    1,5380
    +0,0036 (+0,24%)
     

Facebook dà "l'amicizia" all'Australia e sblocca le news. Ma i negoziati sono appena iniziati

Ilaria Betti
·.
·2 minuto per la lettura
(Photo: Facebook - Getty Images)
(Photo: Facebook - Getty Images)

La battaglia sembra finita. Facebook e il Governo australiano hanno trovato un accordo. Il social network consentirà di nuovo la condivisione di contenuti giornalistici e l’Australia ha approvato alcuni emendamenti che non obbligano Fb a pagare per le notizie. Campbell Brown, vicepresidente “global news partnership” di Facebook ha spiegato: “Abbiamo concordato una soluzione che ci permetterà di sostenere gli editori che noi scegliamo, inclusi quelli minori e locali e il governo di Canberra ha chiarito che noi potremo mantenere la capacità di decidere quali notizie compaiono di Facebook, quindi non saremo automaticamente soggetti a negoziati obbligatori”. L’accordo sembra più un compromesso perché in queste settimane se è vero che i siti di notizie hanno perso traffico, Fb senza notizie si è riempito di Fakenews e complottisti.

Il braccio di ferro tra il ministro dell’Economia Josh Frydenberg e lo stesso Mark Zuckerberg era iniziato pochi giorni fa, quando il gigante digitale aveva oscurato i link alle notizie in risposta a una proposta di legge del governo australiano che impone alle piattaforme online di pagare gli editori dei giornali e dei siti di news per l’utilizzo dei loro contenuti. La bozza di legge mirava a contrastare lo strapotere sia di Facebook che di Google, costringendo i due colossi a pagare gli editori, ma l’ostinazione di Zuckerberg e del suo team ha portato il premier Scott Morrison ad approvare alcuni emendamenti al disegno di legge sulla condivisione delle notizie online.

Va detto che i dettagli dell’accordo che hanno convinto Facebook a sbloccare i contenuti giornalistici non sono ancora chiari. Ma, il ministro del Tesoro australiano Frydenberg e il collega delle Comunicazioni, Paul Fletcher, hanno affermato che gli emendamenti “forniranno maggiore chiarezza sulla maniera in cui opererà il codice di cond...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.