Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.054,50
    -146,17 (-0,43%)
     
  • Nasdaq

    13.902,99
    -149,35 (-1,06%)
     
  • Nikkei 225

    29.685,37
    +2,00 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,2038
    +0,0058 (+0,48%)
     
  • BTC-EUR

    45.915,59
    -598,69 (-1,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.246,22
    -52,73 (-4,06%)
     
  • HANG SENG

    29.106,15
    +136,44 (+0,47%)
     
  • S&P 500

    4.160,73
    -24,74 (-0,59%)
     

Fake news Covid e stereotipi femminili: i progetti di PQE Group

Red
·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 17 mar. (askanews) - Ad un anno dall'inizio della pandemia globale PQE Group ha deciso di presentare due nuovi progetti interni, mettendoli poi a disposizione della comunità mondiale. Il primo riguarderà la nuova edizione di Infodemic, la Task Force di ricerca scientifica per combattere le fake news sul Covid-19, mentre il secondo, dal titolo "Unconventional Female Thoughts" avrà come obiettivo quello di abbattere stereotipi del mondo femminile.

Infodemic Task Force: Dopo il successo della prima edizione ed il perpetrarsi della pandemia globale, l'azienda ha deciso di portare avanti l'iniziativa coinvolgendo un nuovo gruppo di dipendenti. I 12 esperti consulenti di PQE Group laureati in diverse discipline che spaziano trasversalmente dall'Ingegneria Biomedica e la Biotecnologia alle Scienze Sociali ed Economiche, lavoreranno allo scopo di fornire tramite i canali di comunicazione di PQE Group un'informazione quanto più scientificamente corretta e aggiornata su tali temi, riportando con chiarezza e semplicità i risultati ottenuti. Al fine di garantire la sicurezza dei dati sia a livello scientifico che qualitativo, ad affiancare il team sono stati selezionati due revisori di fama internazionale in ambito farmaceutico: Claudio Puglisi, Vice President di PQE Group ed Executive Committee per le relazioni esterne della Parental Drug Association (PDA), e Paolo Baroldi, che prima di diventare consulente di PQE US Inc. (filiale americana di PQE Group) ha servito come Vice President allo Sviluppo e Chairman R&D presso Chiesi Farmaceutici SPA.

Il valore aggiunto della ricerca è dato anche dall'internazionalità del gruppo, che per questa seconda edizione risponderà alle seguenti domande: Quali sono i principali effetti causati dallo spillover e come prevenirli? Filiera dei vaccini: quali sono le principali sfide da superare nel prossimo futuro? Quali studi stanno determinando la sicurezza, l'efficacia, la qualità e l'efficacia dei vaccini?Esiste un legame tra i cambiamenti climatici e la diffusione del COVID? Qual è il valore ideale della positività percentuale al test di laboratorio per massimizzare il controllo dell'epidemia e minimizzare i costi? Un'analisi matematica basata sul confronto dell'efficienza di Cina e Corea del Sud con l'Europa e in particolare il caso italiano.

Gli articoli saranno pubblicati sul sito aziendale alla pagina dedicata al progetto, dove ad oggi sono fruibili gli articoli scritti durante la prima edizione.

Secondo progetto è Unconventional Female Thoughts: Avrà inizio venerdì 26 marzo alle 12:30 in diretta dai canali social aziendali il nuovo programma "Unconventional Female Thoughts" (pensieri femminili non convenzionali): 15 minuti di riflessioni da parte di Gilda D'Incerti, fondatrice e AD di PQE Group, insieme ad ospiti che si alterneranno tra dipendenti interne all'azienda e figure esterne per raccontare storie vincenti al femminile con l'obiettivo di dare segnali positivi attraverso riflessioni che abbattano gli stereotipi e diano alle donne la possibilità di avere una maggiore coscienza di sé in modo tale che si possano sentire ispirate. Si tratterà di testimonianze di donne diverse che hanno avuto la forza di scegliere la loro strada e che si racconteranno durante una chiacchierata informale.

"Credo che entrambi questi due progetti siano molto importanti - racconta Gilda D'Incerti, Fondatrice e AD di PQE Group - poiché persone più informate e formate, possono fare scelte più consapevoli nella vita di tutti i giorni. La pandemia globale ha sottolineato le debolezze del sistema e delle nostre comunità sottolineandone la fragilità. Per questo ho deciso di far rientrare entrambi questi progetti tra le attività di responsabilità sociale che la mia azienda porta avanti da molti anni."