Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.942,80
    +680,90 (+2,18%)
     
  • Nasdaq

    11.500,83
    +146,21 (+1,29%)
     
  • Nikkei 225

    27.001,52
    +262,49 (+0,98%)
     
  • EUR/USD

    1,0683
    +0,0121 (+1,14%)
     
  • BTC-EUR

    28.486,38
    +409,60 (+1,46%)
     
  • CMC Crypto 200

    682,43
    +7,55 (+1,12%)
     
  • HANG SENG

    20.470,06
    -247,18 (-1,19%)
     
  • S&P 500

    3.972,24
    +70,88 (+1,82%)
     

A fare la tragica scoperta una collaboratrice domestica che ha chiamato subito i carabinieri

·1 minuto per la lettura
Maria Chiara Gavioli
Maria Chiara Gavioli

È stata trovata morta nella sua villa di Mogliano Veneto l’imprenditrice 47enne Maria Chiara Gavioli: a fare la tragica scoperta nel primo pomeriggio del 19 gennaio nell’abitazione fra Venezia e Treviso una collaboratrice domestica che ha immediatamente chiamato i carabinieri.

Morta Maria Chiara Gavioli: accertamenti per capire le cause del decesso

Sono immediatamente partiti gli accertamenti per chiarire le cause del decesso della donna, madre di due figli, accertamenti che sono ancora in corso. Alcuni media locali spiegano che accanto al corpo sarebbero stati trovati alcuni medicinali. Sul sono giunti a razzo medico, infermieri del Suem e carabinieri, è intervenuto anche il medico legale.

Maria Chiara Gavioli morta forse a causa di un malore fatale: il referto del medico legale

Il sanitario non ha ravvisato segni che possano ricondurre ad altre cause che non siano quelle relative ad un malore. Maria Chiara Gavioli venne a suo tempo indagata nel crac di Enerambiente. Si tratta della società del fratello Stefano Gavioli: tra il 2010 e il 2011, fu impegnata nello smaltimento dei rifiuti a Napoli.

Chi era Maria Chiara Gavioli, la donna morta nella sua villa dopo la vicenda del fallimento di Enerambiente

La società fallì con un passivo di 106 milioni di euro e la Procura competente rubricò in fascicolo 20 persone per distrazione, occultamento, dissipazione del patrimonio aziendale a danno dei creditori con l’emissione di false fatture e la tenuta irregolare dei libri contabili. Il procedimento era arrivato alla fase procedurale del rinvio a giudizio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli