Italia markets close in 2 hours 14 minutes
  • FTSE MIB

    24.532,34
    +66,39 (+0,27%)
     
  • Dow Jones

    33.852,53
    +3,07 (+0,01%)
     
  • Nasdaq

    10.983,78
    -65,72 (-0,59%)
     
  • Nikkei 225

    27.968,99
    -58,85 (-0,21%)
     
  • Petrolio

    81,11
    +2,91 (+3,72%)
     
  • BTC-EUR

    16.217,46
    +276,67 (+1,74%)
     
  • CMC Crypto 200

    399,55
    +10,83 (+2,79%)
     
  • Oro

    1.769,80
    +6,10 (+0,35%)
     
  • EUR/USD

    1,0384
    +0,0049 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    3.957,63
    -6,31 (-0,16%)
     
  • HANG SENG

    18.597,23
    +392,55 (+2,16%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.958,73
    +24,29 (+0,62%)
     
  • EUR/GBP

    0,8647
    +0,0007 (+0,08%)
     
  • EUR/CHF

    0,9865
    +0,0017 (+0,17%)
     
  • EUR/CAD

    1,4019
    -0,0005 (-0,03%)
     

Farmacie, avanzano grandi gruppi in Italia: 4% in mano a holding

(Adnkronos) - In Italia nel settore delle farmacie avanzano i grandi gruppi e fondi d'investimento: "Nuovi attori del panorama nazionale", li ha definiti il report farmacie elaborato dall'Area studi di Mediobanca. Parliamo di 'attori' come Dr.Max, Boots, Valuefarma e Hippocrates Holding, che da poco ha rilevato la farmacia in Piazza di Spagna a Roma. "Complessivamente, le principali reti di farmacie operanti in Italia, reali o in semplice associazione, rappresentano il 24% del numero di farmacie in esercizio - evidenzia il rapporto - per un fatturato pari a circa 6,5 miliardi, ovvero il 26,8% del totale nazionale. Quelle prevalentemente in affiliazione, dove viene conservata l'autonomia proprietaria delle singole farmacie, rappresentano il 20% per numerosità e il 21,1% per giro d'affari; quelle proprietarie, nelle quali una holding detiene la maggioranza del capitale delle farmacie, rispettivamente il 4% e il 5,7%".

La Legge 124 del 2017 "ha consentito l'ingresso delle società di capitali nella proprietà delle farmacie, con il solo limite di non eccedere il 20% delle farmacie operanti in una regione, assimilando l'Italia ad alcuni Paesi europei che hanno assunto il medesimo assetto quali il Belgio, la Norvegia, i Paesi Bassi e il Regno Unito, e allo stesso tempo ne marca una differenza rispetto a quelli che hanno mantenuto l'esclusività della proprietà per i farmacisti (Francia, Germania e Spagna, tra gli altri)", ricorda l'Area studi di Mediobanca. Il mercato della salute "poggia su una rete di punti vendita composta nel 2021 da 19.901 farmacie, a cui si aggiungono 4.046 parafarmacie. Nel primo semestre 2022 crescono le vendite (13,1 miliardi, +8%)", sintetizza il documento.

Nel prossimo futuro? "Ci si aspetta sempre più l'affermazione di una farmacia dei servizi e 'omnicanale' - prevede il report - Nel 2021 sono state 5.894 le farmacie che hanno dispensato servizi di diagnostica, con un incremento del 10% sul 2020, per un totale di 250.946 prestazioni, in crescita del 79% sull'anno precedente (in media si tratta di 43 prestazioni all'anno per singola farmacia). Le prestazioni erogate nel 2021 hanno riguardato per il 64% elettrocardiogrammi (+87% sul 2020), per il 22% monitoraggi di holter cardiaci (+69%) e per il residuo 14% rilevazioni della pressione arteriosa sulle 24 ore".