Italia markets closed

Fase 2, Fontana: tenerci chiusi in Lombardia non sarà necessario

Asa

Milano, 23 mag. (askanews) - "I nostri numeri miglioreranno e non ci sarà bisogno di tenerci bloccati, anche per il giro d'affari che c'è. Se così non fosse, posso solo attenermi a quello che dice l'Istituto superiore di sanità". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, in un'intervista a La Repubblica a proposito dell'ipotesi di impedire agli abitanti di alcune regioni, come Lombardia e la Val d'Aosta, di uscire dai confini regionali dal 3 giugno.

Quanto alla polemica innescata giovedì in Parlamento dal M5S, attraverso l'onorevole Riccardo Ricciardi, in nome delle "verità che non si possono nascondere" sulla Lombardia Fontana ha aggiunto che "L'attacco non era alla Lega, ma all'amministrazione della Lombardia, e dura ormai da troppo tempo. Vedremo alla fine chi ha detto le bugie. Ritengo che alcuni vogliono bloccare ad ogni costo la proposta delle opposizioni di collaborazione alle scelte della maggioranza".

Fontana ha respinto inoltre su tutta la linea le accuse di avere commesso errori nella gestione dell'emergenza sanitaria, a partire dalla mancata istituzione della zona rossa a Nembro e Alzano lombardo. "Uno sbaglio, sì. Che non può essermi contestato. Nella settimana dal 4 al 7 marzo ci sono state parecchie interlocuzioni con il ministro Speranza e con il presidente del Consiglio Conte. Arrivarono nella Bergamasca anche carabinieri e militari, poi non so cosa sia successo" ha concluso.