Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.549,16
    +853,70 (+1,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8695
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Fastweb: ancora un trimestre in crescita, Ebitda sale a 179 mln nei primi 3 mesi del 2021

Daniela La Cava
·1 minuto per la lettura

Fastweb ha annunciato stamattina di avere archiviato il primo trimestre 2021 con numeri in crescita in termini di clienti, ricavi e margini. Prosegue dunque il trend di sviluppo della società che a fine marzo taglia il traguardo del 31esimo trimestre consecutivo di crescita. Grazie all’acquisizione di 106 mila nuovi clienti nell’ultimo anno per i servizi di accesso a banda larga, la base clienti di Fastweb si attesta a 2.765.000 (+4% rispetto all'anno precedente). Aumentano anche i ricavi che raggiungono quota 581 milioni di euro, in crescita del 7% rispetto al primo trimestre del 2020. Al 31 marzo l'Ebitda complessivo ha raggiunto i 179 milioni (+5% rispetto allo stesso periodo del 2020), mentre l'Ebitda inclusivo dei costi di locazione (EbitdaaL) si è attestato a 165 milioni, in crescita del 5% rispetto al primo trimestre 2020. Nel 2021 Fastweb ha messo a segno gli investimenti per 154 milioni di euro, pari al 27% dei ricavi, indirizzati principalmente al deployment di Nexxt Generation 2025. Si tratta del piano con il quale Fastweb si impegna a fornire a tutte le famiglie e le imprese italiane connettività a 1 Gigabit al secondo entro i prossimi cinque anni.