Italia Markets closed

Up, fattura petrolifera 2019 -1,1% a 22,3 mld, pari a 1,3% Pil

Voz

Roma, 19 dic. (askanews) - Nonostante il calo del costo del greggio e la lieve flessione dei consumi, la fattura petrolifera netta dell'Italia è stata molto vicina nel 2019 a quella dello scorso anno, sui 22,3 miliardi di euro, con un minore esborso di appena 260 milioni (-1,1%) rispetto al 2018. Secondo il consuntivo annuale pubblicato dall'unione petrolifera il calo è per effetto delle minori esportazioni e della minore produzione nazionale di greggio.

Il peso sul Pil è stato pari all'1,3% analogo a quello del 2018. Nel 2020, nell'ipotesi di un prezzo del greggio compreso tra 65-70 dollari/barile, consumi e cambio sui livelli del 2019, la fattura petrolifera potrebbe oscillare da un minimo di 22 miliardi di euro ad un massimo di 24 miliardi.

Il costo del barile di greggio importato nel 2019 è diminuito di circa 6 dollari/barile (-8,4%), che si è tradotto in un calo di 2,1 euro/barile (-3,5%) per il forte indebolimento dell'euro rispetto al dollaro (-5,1%).

Nel 2019, prosegue l'Up, i consumi petroliferi italiani si stimano intorno ai 60,5 milioni di tonnellate, - 0,7% rispetto al 2018. A fronte di una flessione dei volumi di gasolio autotrazione (-0,9%), dopo 20 anni si rileva un aumento di quelli della benzina (+0,5%). Incremento del 3,8% per il gpl auto.(Segue)