Italia markets closed
  • FTSE MIB

    20.648,85
    +295,87 (+1,45%)
     
  • Dow Jones

    29.116,69
    -108,92 (-0,37%)
     
  • Nasdaq

    10.771,68
    +34,18 (+0,32%)
     
  • Nikkei 225

    25.937,21
    -484,84 (-1,83%)
     
  • Petrolio

    80,53
    -0,70 (-0,86%)
     
  • BTC-EUR

    20.075,72
    +309,06 (+1,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    448,53
    +5,10 (+1,15%)
     
  • Oro

    1.677,20
    +8,60 (+0,52%)
     
  • EUR/USD

    0,9784
    -0,0036 (-0,36%)
     
  • S&P 500

    3.639,68
    -0,79 (-0,02%)
     
  • HANG SENG

    17.222,83
    +56,96 (+0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.318,20
    +39,16 (+1,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8799
    -0,0023 (-0,26%)
     
  • EUR/CHF

    0,9636
    +0,0062 (+0,65%)
     
  • EUR/CAD

    1,3461
    +0,0032 (+0,24%)
     

Fbi cercava documenti su armi nucleari in perquisizione casa Trump -Washington Post

Donald Trump arriva alla Trump Tower di New York City

WASHINGTON (Reuters) - Gli agenti federali statunitensi erano alla ricerca di documenti relativi alle armi nucleari quando hanno perquisito la casa dell'ex presidente Donald Trump in Florida questa settimana, secondo quanto riportato dal Washington Post.

Non è chiaro se tali documenti siano stati trovati dagli agenti nel resort Mar-a-Lago dell'ex presidente a Palm Beach, ha detto il Post. Reuters non ha potuto confermare immediatamente la notizia.

Nella giornata di ieri, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha chiesto a un giudice di rendere pubblico il mandato che ha autorizzato la perquisizione dell'FBI a Mar-a-Lago, dopo che Trump, l'ha dipinta come un'azione politicamente motivata.

La richiesta implica che il pubblico potrebbe presto saperne di più su ciò che gli investigatori stavano cercando durante la perquisizione senza precedenti della casa di un ex presidente.

La perquisizione fa parte di un'indagine volta a stabilire se Trump abbia rimosso illegalmente dei documenti dalla Casa Bianca quando ha lasciato il suo incarico nel gennaio 2021, alcuni dei quali, secondo il Dipartimento di Giustizia, sono classificati

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Stefano Bernabei)