Italia markets open in 2 hours 28 minutes
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.462,73
    -176,73 (-0,75%)
     
  • EUR/USD

    1,1846
    -0,0021 (-0,18%)
     
  • BTC-EUR

    10.755,55
    +1.426,15 (+15,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    255,42
    +10,53 (+4,30%)
     
  • HANG SENG

    24.699,11
    -55,31 (-0,22%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     

Fca, Uilm: piena occupazione a Torino obiettivo importantissimo

Prs/Glv
·1 minuto per la lettura

Torino, 23 set. (askanews) - Il lancio della 500 elettrica "porta piena occupazione nel polo produttivo torinese, è un obiettivo importantissimo". Lo affermano Gianluca Ficco, segretario nazionale Uilm responsabile del settore auto, e Luigi Paone, segretario generale della Uilm di Torino, confermando la decisione di Fca di comunicare ai sindacati "la chiusura degli ammortizzatori sociali, l'assunzione di una decina di ingegneri che si aggiunge al programma in corso di assunzione di circa 70 apprendisti, nonchè circa 270 inserimenti temporanei fino a fine anno fra somministrati e distacchi nel polo produttivo torinese, di cui fanno parte i due stabilimenti di Mirafiori e Grugliasco". "Grazie al lancio della Fiat 500 elettrica - spiegano i due sindacalisti - a Mirafiori avremo una notevole salita produttiva. È un obiettivo importantissimo che perseguiamo da anni attraverso accordi difficili e coraggiosi, reso possibile dal fatto che Fca si sta muovendo in modo spedito ed efficace sulla via della elettrificazione". L'auspicio di Ficco e Paone è che il prossimo anno "le versioni elettriche della Maserati possano rilanciare anche la produzione di Grugliasco. Più in generale il 2021 sarà un anno di lanci di nuove vetture e questo è tanto più importante se si considera il periodo di crisi che stiamo attraversando. Anche in vista della fusione con Psa, è essenziale che gli investimenti in Italia proseguano". L'impegno di Fca in Italia "è prezioso non solo per gli oltre 50mila lavoratori che ci lavorano e per le decine di migliaia dell'indotto, ma a ben vedere per l'intera economia italiana".