Italia markets open in 6 hours 6 minutes
  • Dow Jones

    30.046,24
    +454,97 (+1,54%)
     
  • Nasdaq

    12.036,79
    +156,15 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    26.673,55
    +507,96 (+1,94%)
     
  • EUR/USD

    1,1903
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • BTC-EUR

    16.016,09
    -54,43 (-0,34%)
     
  • CMC Crypto 200

    379,66
    +9,91 (+2,68%)
     
  • HANG SENG

    26.969,83
    +381,63 (+1,44%)
     
  • S&P 500

    3.635,41
    +57,82 (+1,62%)
     

FE fundinfo: "I nostri dati a fianco del mercato italiano dei fondi comuni"

Stefania Scordio
·9 minuto per la lettura
FE fundinfo:
FE fundinfo:

L'intervista di Financialounge.com a Mikkel Bates, Regulatory Manager di FE fundinfo sulle prossime sfide dei fondi comuni in Italia

Il mercato dei fondi in Italia sta crescendo e la digitalizzazione, accelerata dalla pandemia, contribuisce a questo sviluppo apportando modifiche nella gestione degli investimenti. Per analizzare la situazione nel nostro paese e per capire cosa sta accadendo abbiamo intervistato Mikkel Bates, Regulatory Manager di FE fundinfo, società operante nel fund data.

Quali sfide stanno affrontando oggi i gruppi di fondi in Italia?

"L'Italia è un mercato in rapida crescita per gli investimenti, il che lo rende attraente per i gruppi di fondi sia esteri che nazionali, ma ci sono una serie di sfide che tutte le imprese devono affrontare. Queste sfide provengono da due direzioni diverse: una è la regolamentazione e l'altra è una maggiore concorrenza. Sul primo di questi, ci sono crescenti pressioni normative, in particolare relative ai fattori ESG, dal Sustainable Finance Disclosure Regulation alle modifiche alle regole che richiedono alle aziende di incorporare ESG in MiFID II, AIFMD e UCITS. Ma la vera sfida derivante da tutte queste normative è che stanno guidando una maggiore trasparenza - sull'integrazione della sostenibilità e sui costi - che crea una pressione al ribasso sui ricavi e una pressione al rialzo sui costi, quindi è necessario trovare modi, che di solito comportano un uso migliore della tecnologia, per evitare tutto questo aumento dei costi solo per rendere le divulgazioni accurate e tempestive. La seconda sfida, la concorrenza, sempre più gruppi sono attratti dal mercato italiano. In parte ciò è dovuto all'arrivo di prodotti esentasse - PIR per gestori patrimoniali e PIP, piani pensionistici individuali, per compagnie di assicurazioni - e in parte è dovuto alla crescita dei distributori che fanno un uso maggiore della tecnologia. Non solo le piattaforme di investimento stanno crescendo, ma anche i gestori patrimoniali digitali stanno diventando sempre più comuni. Quindi non si tratta solo delle sfide, ma questi progressi stanno anche presentando opportunità. I distributori hanno bisogno di sapere molto di più sui fornitori di fondi con cui lavorano ora di quanto non abbiano mai saputo prima - non solo il processo e lo stile di investimento, ma cose come il loro approccio all'investimento sostenibile, in modo che possano fornire i fondi e i prodotti che soddisfano i loro clienti. Preferenze ESG, evitando il possibile "greenwashing", quindi cercano sempre di più di trattare con un numero minore di gruppi che conoscono molto bene e di cui si fidano. Alcuni distributori sono anche disposti a lavorare solo con determinati soggetti incaricati dei pagamenti (e, allo stesso modo, alcuni soggetti incaricati dei pagamenti lavoreranno anche solo con determinati distributori), quindi questo può rendere difficile per i gruppi di gestione dall'estero ottenere un punto d'appoggio nel paese, a meno che non abbiano una conoscenza locale. È anche difficile per i gruppi di fondi interrompere il rapporto tra fornitori e distributori e avere la possibilità di lavorare con distributori chiave. Per fare ciò, devono capire cosa spinge questi distributori e sapere di cosa hanno bisogno i loro clienti, in modo che possano personalizzare la loro gamma di prodotti ed essere aperti e trasparenti sui loro processi e sui loro fondi. E tutto questo costa denaro senza un uso maggiore della tecnologia per contenere quei costi. Ma probabilmente il problema più urgente in questo momento sia per i gruppi di fondi che per i distributori è fornire prove di come incorporano la sostenibilità nei loro processi di investimento o di consulenza, cosa che devono iniziare a fare dal prossimo marzo. Non ha senso che i gruppi di fondi pensino di poter iniziare ora a considerare come integreranno ESG e sostenibilità nei loro processi e pratiche, poiché i distributori tenderanno naturalmente a rivolgersi a coloro che hanno esperienza nel farlo da anni, ma la nuova sfida il modo migliore per articolarlo in modo che anche i loro clienti finali lo capiscano. Ciò non è stato aiutato dal ritardo della Commissione europea nell'emissione degli standard tecnici di regolamentazione. Tali RTS, che sono stati pubblicati in bozza all'inizio di quest'anno, definiscono i dettagli di ciò che le società di investimento dovrebbero divulgare, compreso il modo in cui incorporano i rischi per la sostenibilità nei loro processi di investimento e quali sono i principali impatti negativi sulla sostenibilità dei loro investimenti, ed esattamente come dovrebbero rivelalo, incluso un modello per farlo Non avere alcun RTS che le guidi significa che le aziende dovranno basare la propria informativa sui principi più generali del Livello 1 Sustainable Finance Disclosure Regulation. Come ha affermato la Commissione Europea nella sua lettera di ottobre al Direttore Generale di Assogestioni e successivamente alle Autorità Europee di Vigilanza, il periodo di consultazione per l'RTS non ha lasciato tempo sufficiente per attuare i requisiti dettagliati entro la scadenza del marzo 2021, ma nessun motivo per ritardare le importantissime rivelazioni contenute nel regolamento stesso, vista l'emergenza climatica che stiamo affrontando. I requisiti fondamentali per i gruppi di fondi e i consulenti sono tutti contenuti nel regolamento: devono pubblicare una dichiarazione concisa sul loro sito web che spieghi come incorporano i rischi per la sostenibilità nel loro processo di investimento e / o consulenza. Ma senza i dettagli e il modello stabiliti nella bozza dell'RTS, potrebbe essere difficile per gli investitori confrontare i prodotti. D'altro canto, sono state espresse molte critiche sulla quantità di informazioni da divulgare sui principali impatti negativi sulla sostenibilità nel modello fornito nel progetto di RTS, quindi forse anche questo non sarebbe stato molto chiaro per gli investitori. L'altra preoccupazione delle divulgazioni sulla sostenibilità è pratica che i consulenti devono considerare in modo che non torni a perseguitarli in seguito. Dopo aver spiegato ai loro clienti perché raccomandano determinati fondi per soddisfare le loro preferenze ESG, dovranno quindi fornire loro report periodici ogni anno per mostrare quanto bene hanno fatto quegli investimenti nel soddisfare le loro preferenze ESG. A meno che non siano sicuri, prima di dare il consiglio, di quali siano le politiche di un fondo, idealmente con una verifica indipendente dell'efficacia di tali politiche (magari attraverso una gamma di rating ESG, ad esempio), potrebbe esserci il pericolo che i clienti non lo saranno impressionato da quanto bene o male hanno fatto i fondi nel soddisfare le loro preferenze ESG, nonché i loro obiettivi finanziari. Ma non ignoriamo le opportunità offerte dalla crescente attenzione alla sostenibilità e all'ambiente e il desiderio di alcuni clienti di considerare fattori non finanziari. È probabile che questo introdurrà una sezione completamente nuova della popolazione nel settore dei fondi, a condizione che il settore lo abbracci correttamente e non lo consideri solo un'altra opportunità di vendita".

Che effetto sta avendo la distribuzione digitale?

"La tecnologia nello spazio di distribuzione è cambiata enormemente negli ultimi anni e continua a farlo. Si è spostato oltre le piattaforme di fondi online per diventare consulenti online e persino gestori di patrimoni digitali. Ciò ha due impatti: oltre a esercitare pressioni sui consulenti esistenti, rende anche più importante per i fornitori di prodotti fornire le informazioni sui prodotti (e non intendo solo le informazioni di marketing) a tutti gli attori digitali. Non penso che nessuno sia abbastanza coraggioso da prevedere quali piattaforme e consulenti digitali saranno i vincitori a lungo termine, anche se alcuni stanno già facendo più progressi di altri, quindi devono assicurarsi che servano il maggior numero possibile di loro con le informazioni in qualunque formato i distributori desiderano riceverle. Ma con i distributori di tutti i tipi che sono selettivi riguardo alle persone con cui trattare, sia in termini di gruppi di fondi che conoscono bene sia di soggetti incaricati dei pagamenti con cui sono disposti a lavorare, questo aggiunge ulteriori complicazioni ai gruppi di fondi che cercano di distribuire i loro prodotti. Poiché il mercato del benessere di massa è l'obiettivo principale di consulenti e compagnie assicurative, i gruppi di fondi devono garantire che i loro fondi si inseriscano in prodotti basati su obiettivi, in altre parole come parte di una soluzione incentrata sul cliente, piuttosto che semplicemente come un fondo autonomo può vendere in base alla sua performance rispetto a un indice o benchmark".

Covid-19 avrà un impatto duraturo?

"Probabilmente il maggiore impatto prodotto dal Covid-19, a parte il fatto che i consulenti spostano i loro incontri con i clienti online anziché faccia a faccia, è l'accelerazione del passaggio da un settore prevalentemente cartaceo a uno più digitale. Le misure temporanee introdotte dal Decreto Rilancio del maggio 2020, per aggirare i vincoli provocati dalla pandemia Covid, hanno maggiori probabilità di essere permanenti quando si tratta dei processi telematici adottati da tutte le parti. Non si tornerà più ai vecchi sistemi cartacei una volta che sarà chiaro come tutti si siano adattati a modalità di lavoro più efficienti e tempestive, che sono anche più in linea con il modo in cui si fanno le cose in molti altri paesi europei e altrove. È stato spesso detto di molti altri cambiamenti nella vita dall'inizio della pandemia, ma è altrettanto vero per i servizi finanziari - qualcosa come dieci anni di progresso è accaduto in pochi mesi, perché è stato imposto - ma lì non sarà un argomento a favore di tornare indietro in seguito, quando le persone apprezzeranno le nuove efficienze".

Date tutte le sfide, come può FE fundinfo supportare l'industria dei fondi in Italia?

"FE fundinfo è una società leader a livello mondiale di dati e tecnologia sui fondi che collabora con gruppi di fondi e distributori di fondi in tutta Italia per contribuire a migliorare l'efficienza, ridurre i rischi e i costi operativi inerenti i requisiti normativi. Da un lato raccogliamo dalle società di gestione le informazioni sui fondi, dall'altro, attraverso i nostri servizi di Document e Data Dissemination, diffondiamo tali dati a distributori e vari attori del mercato, fornendo loro l'accesso ai dati di mercato tramite flussi digitali di dati e documenti. Attraverso la nostra piattaforma leader di analisi “FE analytics”, forniamo le informazioni più recenti sui fondi, insieme a strumenti digitali e di reporting per migliorare le relazioni tra gestori patrimoniali e distributori di fondi. Il nostro team di legali per la registrazione dei fondi nelle giurisdizioni globali lavora anche con fondi non domiciliati in Italia per supportare la registrazione dei loro fondi in Italia e superare gli oneri amministrativi associati alla creazione di fondi stranieri nel paese".