Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,71 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,85 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    66,22
    -0,28 (-0,42%)
     
  • BTC-EUR

    43.590,59
    -4.008,21 (-8,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • Oro

    1.782,10
    +21,40 (+1,22%)
     
  • EUR/USD

    1,1317
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8550
    +0,0056 (+0,66%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4528
    +0,0056 (+0,39%)
     

Fed, parla il super falco James Bullard: 'due rialzi dei tassi entro il 2022 dopo fine tapering'

·1 minuto per la lettura

James Bullard, numero uno della Federal Reserve di St Louis, tra gli esponenti più falchi dell'istituzione, ha detto di ritenere che la banca centrale americana alzerà i tassi di interesse due volte nel 2022, dopo aver concluso la fase di tapering dei suoi acquisti di bond, appena annunciata dal presidente Jerome Powell. Bullard non è al momento membro votante del Fomc, ma lo sarà nel 2022. Il banchiere ha spiegato il suo punto di vista con gli attuali dati macro, puntualizzando che la sua opinione potrebbe dunque anche cambiare, a seconda delle informazioni economiche che arriveranno nel tempo. "Quello che possiamo fare è valutare la situazione la prossima primavera e capire dove ci troviamo: a quel punto potremo prendere una decisione su un rialzo o meno dei tassi", ha detto Bullard, intervistato dalla Cnbc in occasione della UBS European Conference. "In base alla situazione in cui ritengo che ci troviamo oggi, credo davvero che due rialzi dei tassi siano stabiliti per il 2022...ma le cose potrebbero cambiare entro il primo semestre del prossimo anno, in entrambe le direzioni". Ieri è stato diramato l'indice dei prezzi alla produzione Usa, importante termometro dell'inflazione, che a ottobre è balzato dell'8,6% su base annua: meno del +8,7% atteso, ma comunque sempre al ritmo record in quasi 11 anni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli