Italia markets close in 44 minutes
  • FTSE MIB

    25.453,95
    -62,51 (-0,24%)
     
  • Dow Jones

    35.003,27
    -81,26 (-0,23%)
     
  • Nasdaq

    14.693,65
    -84,62 (-0,57%)
     
  • Nikkei 225

    27.283,59
    -498,83 (-1,80%)
     
  • Petrolio

    73,58
    -0,04 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    32.885,66
    -950,99 (-2,81%)
     
  • CMC Crypto 200

    925,21
    -24,69 (-2,60%)
     
  • Oro

    1.826,10
    -9,70 (-0,53%)
     
  • EUR/USD

    1,1868
    -0,0028 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    4.402,10
    -17,05 (-0,39%)
     
  • HANG SENG

    25.961,03
    -354,29 (-1,35%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.103,66
    -13,11 (-0,32%)
     
  • EUR/GBP

    0,8520
    +0,0004 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0757
    -0,0008 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,4774
    -0,0016 (-0,11%)
     

Federdistribuzione: inflazione in rialzo, tiene carrello spesa

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 30 giu. (askanews) - Nuovo mese in terreno positivo per il tasso di inflazione (+1,3% su base tendenziale) secondo quanto rilevato dall'indice provvisorio dei prezzi al consumo di giugno diffuso da Istat. Trovano conferma le tendenze avviatesi nei mesi scorsi, con un'ulteriore lieve accelerazione dei beni energetici (+14,1% su base tendenziale) e un andamento del cosiddetto "carrello della spesa", che fa segnare un calo del -0,4% su base annua. Lo sottolinea in una nota Federdistribuzione.

"A livello tendenziale si registra una variazione ancora in terreno negativo del carrello della spesa anche se il dato congiunturale rileva il venir meno di questa tendenza deflazionistica per effetto delle prime avvisaglie delle tensioni registrate su alcune materie prime - spiega Carlo Alberto Buttarelli, direttore relazioni con la filiera e ufficio studi di Federdistribuzione - Il dato mensile (nullo su base congiunturale) dà infatti evidenza di come le tensioni sui prezzi delle materie prime nel settore industriale e in ambito agroalimentare, che si stanno sviluppando su scala globale, potrebbero a breve far registrare una spinta inflazionistica più significativa nella seconda parte dell'anno".

"In questo scenario il ruolo delle aziende della Distribuzione Moderna si conferma centrale nel ricercare un equilibrio tra la crescita dei prezzi delle materie prime e la tutela del potere d'acquisto delle famiglie. Questo è per noi un impegno costante che portiamo avanti con il grande senso di responsabilità che caratterizza le imprese distributive" conclude Buttarelli.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli