Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.500,99
    +576,85 (+1,87%)
     
  • Nasdaq

    12.918,46
    +194,99 (+1,53%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,18
    +2,35 (+3,68%)
     
  • BTC-EUR

    41.210,05
    +371,96 (+0,91%)
     
  • CMC Crypto 200

    981,15
    +37,98 (+4,03%)
     
  • Oro

    1.696,50
    -4,20 (-0,25%)
     
  • EUR/USD

    1,1927
    -0,0051 (-0,43%)
     
  • S&P 500

    3.842,27
    +73,80 (+1,96%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,50 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8605
    -0,0011 (-0,12%)
     
  • EUR/CHF

    1,1091
    -0,0030 (-0,27%)
     
  • EUR/CAD

    1,5086
    -0,0076 (-0,50%)
     

Ferragamo balza 5% su speculazioni M&A dopo modifiche governance

·2 minuto per la lettura
Logo di Salvatore Ferragamo in un negozio in centro a Roma

MILANO (Reuters) - Salvatore Ferragamo è in forte rialzo a Piazza Affari sulle attese che un possibile significativo cambiamento nel top management possa aprire a un eventuale M&A.

Ieri, in una nota a mercato chiuso, Ferragamo Finanziaria, la holding di controllo del marchio del lusso, ha comunicato un ricambio ai vertici con l'uscita del manager storico Giuseppe Anichini e l'ingresso di Claudio Costamagna.

La finanziaria, in vista della prossima scadenza del Cda della controllata, ha inoltre proposto delle modifiche nel board, con la riduzione del numero dei consiglieri e maggiore spazio agli indipendenti. Il presidente di Salvatore Ferragamo nel nuovo cda non sarà esecutivo mentre è stato dato un incarico a una società di Executive Search di selezionare i nuovi membri del board.

Alle 10,35 il titolo Ferragamo è in rialzo del 5% a 15,97 euro a fronte di un indice di borsa poco mosso.

Gli analisti sottolineano le indiscrezioni della stampa di settore che ipotizza, alla luce delle proposte sulla governance, l'uscita dell'attuale Ceo, Micaela Le Divelec, e del vicepresidente esecutivo Michele Norsa.

Ferragamo non commenta le speculazioni di mercato.

Secondo Equita Sim un cambio del management "sembra possibile, con l'obiettivo di accelerare il rilancio del marchio".

"Dall'altro lato, ridurre il numero dei componenti della famiglia potrebbe essere visto come un segnale di maggiore apertura a progetti di integrazione con realtà esterne", aggiunge il broker.

Anche Jefferies sottolinea le significative modifiche nella governance in arrivo e l'ulteriore passo indietro della famiglia Ferragamo nella gestione del marchio, peraltro già avviato.

"Riteniamo che la perdita di quote di mercato negli ultimi anni sia stata molto significativa e che un'inversione del trend richiederà importanti cambiamenti, che sembrano essere in arrivo", dice il broker.

(Andrea Mandalà, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)