Italia markets open in 50 minutes
  • Dow Jones

    34.764,82
    +506,50 (+1,48%)
     
  • Nasdaq

    15.052,24
    +155,40 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    30.261,00
    +621,60 (+2,10%)
     
  • EUR/USD

    1,1741
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    37.774,57
    +44,94 (+0,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.107,77
    -1,15 (-0,10%)
     
  • HANG SENG

    24.519,62
    +8,64 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.448,98
    +53,34 (+1,21%)
     

Ferragamo torna in utile nel semestre, il lusso dimentica la pandemia

·2 minuto per la lettura
Ferragamo torna in utile nel semestre, il lusso dimentica la pandemia
Ferragamo torna in utile nel semestre, il lusso dimentica la pandemia

Il titolo della società del lusso strappa a Piazza Affari dopo una semestrale che ha visto i ricavi crescere del 44%, mostrando la resilienza del lusso contro la pandemia

Salvatore Ferragamo si lascia alle spalle i guai causati dalla pandemia chiudendo il primo semestre con un aumento dei ricavi del 44%, guidato dalla forte redditività dell'Asia/Pacifico e Stati Uniti. I ricavi si sono attestati a 524 milioni di euro dai 363 milioni del primo semestre 2020, “nonostante il permanere, in alcuni paesi, di blocchi o limitazioni alle attività commerciali con evidenti riflessi sul traffico internazionale, dovuti alla pandemia”, afferma la società nella nota diffusa.

I NUMERI

Il margine lordo balza del 62,8% a 361 milioni di euro, con incidenza sul fatturato e che passa dal 61,0% dello scorso anno al 68,9%, e un risultato operativo lordo di 144 milioni. L'operatore del lusso rimarca il primo semestre con il ritorno all'utile, pari 33 milioni rispetto alla perdita di 86 milioni del giugno 2020, e un Ebit di 66 milioni da -62 milioni. L’Asia Pacifico si riconferma il primo mercato per l'operatore del lusso, in aumento del 35,2%. In particolare, i negozi diretti in Cina hanno registrato un aumento delle vendite del 47,4% con un +22% circa messo a segno in Corea. La ripresa più importante è stata messa a segno dal Nord America, che ha registrato un aumento dei ricavi del 103%, quintuplicando le vendite nel solo secondo trimestre 2020.

TITOLO SCATTA IN BORSA

Dopo la notizia sui primi sei mesi 2021, il titolo è schizzato sin dalla prime contrattazione strappando un rialzo del 5,7% a 18,96 euro per azione, eguagliando i livelli di fine giugno scorso. I conti della società fiorentina, e le prospettive per il settore, stanno sostenendo i rialzi dei principali titoli del comparto, con Moncler in positivo dello 0,2% e Tod's in aumento dello 0,6%.

IL LUSSO RESISTE

I buoni conti di Ferragamo hanno confermato lo slancio del settore del lusso, particolarmente colpito dalle chiusure e dalle restrizioni ai viaggi messe in atto dai governi per contrastare la diffusione del Covid. Altri importanti player quotati a Milano hanno riportato semestrali importanti come Brunello Cucinelli, per esempio, anch'essa tornata in utile (21,9 milioni) con una crescita dei ricavi del 7,7% rispetto al giugno 2019. In generale, i grandi attori del lusso europeo, come Kering e LVMH, hanno recuperato dalle perdite del 2020, registrando aumenti di fatturato e utile rispetto al 2019, con prospettive per la fine dell'anno che non lasciano spazio ad altri stop. Presentando i risultati, Bernard Arnault ha affermato che Louis Vuitton è “in una posizione eccellente per continuare a crescere”, mentre il Cfo di Ferragamo Alessandro Corsi ha detto di aspettarsi vendite oltre 1,1 miliardi per la fine del 2021.

ALTRE NEWS DI FINANCIALOUNGE.COM:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli