Italia Markets closed
  • Dow Jones

    31.203,25
    +14,87 (+0,05%)
     
  • Nasdaq

    13.524,53
    +67,28 (+0,50%)
     
  • Nikkei 225

    28.756,86
    +233,60 (+0,82%)
     
  • EUR/USD

    1,2161
    +0,0046 (+0,3770%)
     
  • BTC-EUR

    26.067,70
    -2.782,95 (-9,65%)
     
  • CMC Crypto 200

    627,57
    -52,34 (-7,70%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,71 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    3.855,32
    +3,47 (+0,09%)
     

Feste in piazza a Capodanno "inimmaginabili". Altolà da Brusaferro e Locatelli

Luciana Matarese
·Giornalista
·1 minuto per la lettura

Non solo Natale, ma anche Capodanno dovrà essere a misura di Covid. “Inimmaginabili” feste in piazza, brindisi di gruppo e cenoni in compagnia. L’altolà arriva da Istituto Superiore e Consiglio Superiore di Sanità. Il presidente del Cts, Franco Locatelli, lo ha detto forte e chiaro: “Quello che vedevamo per Capodanno non potrà avvenire quest’anno. Immaginare assembramenti in piazza e nelle strade è incompatibile con la pandemia”. Poco prima il presidente dell’Iss, Silvio Brusaferro, seduto al suo fianco per la conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio settimanale della Cabina di regia, aveva parlato di un “Natale unico”. “Il primo e auspicabilmente l’ultimo grazie ai vaccini - ha ribadito Locatelli - La stessa celebrazione religiosa del Natale dovrà essere resa compatibile con le misure già concordate, per esempio con la Cei, proprio per evitare che si generino possibili focolai di trasmissione”. Insomma, “quest’anno le feste saranno diverse e uniche”, ripetono gli scienziati, sottolineando che spetterà poi al Governo “trovare la soluzione ideale per contemperare - per dirla con Locatelli - un rigore imprescindibile con l’attenzione agli affetti più cari”.

L’andamento del contagio è migliorato come rivela l’analisi dei dati della settimana tra il 16 e il 22 novembre inviati dalle Regioni ed esaminati dalla Cabina di regia, ma non è il momento del “liberi tutti”. Impensabile allentare le restrizioni in vigore, soprattutto in vista delle festività. Il rischio, come ha detto Brusaferro, è che un rilassamento e il mancato rispetto regole di contenimento diano nuovo impulso alla corsa del virus. “Le prossime settimane saranno critiche. Se non rispetteremo le regole, le curve ripartiranno”, ha detto il presidente dell&rs...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.