Fiat: Uliano, Fiom non ha capito che abbiamo salvato Pomigliano

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
F.MI8,890,18

(ASCA) - Torino, 13 feb - ''La Fiom non ha capito che stavamo costruendo un accordo per tutti i lavoratori, sia per quelli iscritti sia per quelli non iscritti al sindacato, sia quelli scritti alla loro associazione che alla nostra. Abbiamo salvato lo stabilimento ed evitato soluzioni di licenziameno''. Lo ha dichiarato Ferdinando Uliano segretario nazionale Fim-Cisl, dopo la svolta su Pomigliano che con l'addio alla Fim e il ritorno dei lavoratori in Fiat Automobiles Group, consente il ritiro delle procedure di mobilita' avviate e la cassa integrazione a rotazione per tutti. ''Abbiamo costruito le condizioni per la soluzione di un problema per migliaia di lavoratori , non per poche unita' - ha sottolineato Uliano a margine del congresso torinese della Fim-Cisl -, nel senso che la procedura di mobilita' che ha messo in campo la Fiat (Milano: F.MI - notizie) in risposta all'azione legale della Fiom avrebbe creato i presupposti non solo per portare dritto Fiat verso i licenziamenti, ma avrebbe pregiudicato la possibilita' di costruire degli ammortizzatori sociali che erano necessari soprattutto in questa fase di difficolta' del mercato, allungando il tempo a disposizione e nello stesso tempo portarci in una condizione che possa centrare l'obiettivo che ci siamo sempre posti, vale a dire la piena ricollocazione di tutti i dipendenti''.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.675,75 -1,18% 23 apr 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.175,97 0,74% 23 apr 17:50 CEST
Ftse 100 6.674,74 0,11% 23 apr 17:35 CEST
Dax 9.544,19 0,58% 23 apr 17:45 CEST
Dow Jones 16.501,65 0,08% 23 apr 22:30 CEST
Nikkei 225 14.418,42 0,88% 08:10 CEST

Ultime notizie dai mercati