Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.837,99
    -431,17 (-1,26%)
     
  • Nasdaq

    13.091,42
    -298,00 (-2,23%)
     
  • Nikkei 225

    28.147,51
    -461,08 (-1,61%)
     
  • EUR/USD

    1,2071
    -0,0081 (-0,66%)
     
  • BTC-EUR

    45.531,84
    -1.269,57 (-2,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.479,52
    -84,31 (-5,39%)
     
  • HANG SENG

    28.231,04
    +217,23 (+0,78%)
     
  • S&P 500

    4.087,21
    -64,89 (-1,56%)
     

Fideuram: totale masse amministrate raggiunge il livello record di 243,8 mld

simone borghi
·1 minuto per la lettura

Alla fine di settembre 2020 le masse amministrate dal gruppo Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking erano pari a 243,8 miliardi di euro, in aumento di 1,1 miliardi rispetto al 31 dicembre 2019, raggiungendo il livello più alto mai registrato. L’evoluzione delle masse rispetto alla fine del 2019 è attribuibile all’eccellente performance commerciale, che ha visto le reti di private banker realizzare una raccolta netta pari a 8,2 miliardi. L’analisi dei principali aggregati del conto economico evidenzia che nei primi nove mesi dell’esercizio le commissioni nette sono risultate pari a 1.260 milioni, sostanzialmente in linea (-1%) con il saldo registrato nei primi nove mesi del 2019. I costi operativi netti, pari a 443 milioni, hanno registrato una diminuzione di 5 milioni (-1%) rispetto al corrispondente periodo dell’anno scorso. Il Cost/Income ratio è risultato stabile al 31%, mantenendosi su livelli di eccellenza assoluta. L’utile netto consolidato si è attestato 623 milioni, in contenuta flessione (-5%) rispetto ai primi nove mesi del 2019 principalmente a seguito di un aumento delle rettifiche di valore nette su crediti e delle imposte sul reddito. I coefficienti patrimoniali consolidati di Fideuram si posizionano molto al di sopra dei livelli minimi richiesti dalla normativa. In particolare, al 30 settembre 2020 il Common Equity Tier 1 ratio consolidato si è attestato al 28,3%, in forte crescita rispetto al 19,2% di fine dicembre 2019.