Italia markets open in 2 hours 50 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    +396,48 (+3,01%)
     
  • Nikkei 225

    29.452,01
    -211,49 (-0,71%)
     
  • EUR/USD

    1,2025
    -0,0035 (-0,29%)
     
  • BTC-EUR

    40.780,31
    +1.789,25 (+4,59%)
     
  • CMC Crypto 200

    984,29
    +56,06 (+6,04%)
     
  • HANG SENG

    29.258,63
    -193,94 (-0,66%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Fiera Milano pronta ad evolversi tra servizi digitali e operazioni di M&A

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

Fiera Milano guarda con fiducia alla ripartenza del settore e stima per il 2021 un fatturato nell’ordine di 180-200 milioni, un Ebitda in un range di 40 e 50 milioni e una posizione finanziaria netta compresa fra 5 e -5 milioni di euro. Sempre che si riprendano le manifestazioni in presenza nel secondo trimestre dell'anno. Nel caso invece di una ripresa delle attività a partire da settembre, a causa del prolungamento dell’emergenza sanitaria, si registrerebbe un impatto negativo in termini di margini e di indebitamento finanziario netto stimabile in circa 5 milioni di euro. Guardando oltre, Fiera Milano punta a registrare nel 2025 un fatturato compreso in un range fra 290 e 310 milioni e un Ebitda compreso in un range fra 110 e 120 milioni, superiori ai livelli del 2019, nonostante una contrazione degli spazi espositivi (-12%) rispetto al 2019. Secondo il nuovo piano strategico 2021-2025, una significativa generazione di cassa porterà a una disponibilità finanziaria netta, stimata fra 75 e 85 milioni a fine piano, consentendo di valutare opportunità di operazioni di M&A e remunerazione degli azionisti. Nel periodo sono programmati investimenti per 115-125 milioni di euro, di cui 90-100 milioni preventivati dalla Fondazione Fiera Milano volti a migliorare l’attrattività e la sicurezza dei quartieri fieristico e congressuale. Non solo. Fiera Milano si impegnerà a passare da un modello di business che si basava principalmente sugli eventi fisici ad un modello ibrido, nel quale i servizi fisici saranno affiancati e arricchiti da innovativi servizi digitali che miglioreranno la customer experience.