Italia markets close in 5 hours 46 minutes
  • FTSE MIB

    25.444,88
    +22,66 (+0,09%)
     
  • Dow Jones

    34.196,82
    +322,58 (+0,95%)
     
  • Nasdaq

    14.369,71
    +97,98 (+0,69%)
     
  • Nikkei 225

    29.066,18
    +190,95 (+0,66%)
     
  • Petrolio

    72,97
    -0,33 (-0,45%)
     
  • BTC-EUR

    28.509,31
    +308,40 (+1,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    815,64
    +29,02 (+3,69%)
     
  • Oro

    1.782,90
    +6,20 (+0,35%)
     
  • EUR/USD

    1,1943
    +0,0009 (+0,07%)
     
  • S&P 500

    4.266,49
    +24,65 (+0,58%)
     
  • HANG SENG

    29.288,22
    +405,76 (+1,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.112,26
    -10,17 (-0,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8582
    +0,0014 (+0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4692
    -0,0001 (-0,00%)
     

FIFA History: l'evoluzione di Paul Pogba su Ultimate Team

·2 minuto per la lettura

FIFA Ultimate Team è una modalità del famoso videogioco, tanto semplice quanto geniale, che prende spunto dai più nostalgici album di figurine e li evolve in un vero e proprio gioco, dove scegliere tattiche, strategie, gestire i contratti e l'intesa tra i calciatori che troviamo nei pacchetti. E cosa ci può essere meglio di figurine virtuali costantemente aggiornate per osservare la crescita di un giocatore, sia tecnicamente che per quanto riguarda la percezione di noi appassionati? Questa rubrica si propone di osservare (anche e soprattutto statisticamente) le stagioni di alcuni calciatori, in modo da capire le motivazioni dietro l'aumento (o il declino) delle loro statistiche sulle carte FIFA.

Questa ultima puntata di FIFA History la passeremo in compagnia delle figurine di uno dei più grandi campioni passati in Italia negli ultimi anni, entrare nella ristretta cerchia dei trasferimenti più costosi del mondo, quando dalla Juventus passa al Manchester United per 105 milioni di euro, segnando un record. Insomma, parleremo di Paul Pogba. In onore della sua coolness infinita, le foto saranno prese perlopiù dal suo profilo Instagram.

FIFA 12

Fin da piccolo, Pogba era una promessa. Già a 14 anni il suo nome era tra quelli che giravano in maniera quasi massonica tra gli scout francesi e non, e il giovane ragazzo diventa in poco tempo uno dei più importanti prospetti del calcio francese. Aveva costruito la sua fama partendo da bambino nel US Roissy-en-Brie, per poi arrivare alla rinomatissima accademia del Le Havre, dove viene notato da Sir Alex Ferguson, grazie anche alle ottime prestazioni al Mondiale U-16. A neanche 17 anni, il Manchester United lo preleva dalla squadra francese a parametro zero, anche se dovrà pagare un piccolo conguaglio per via di una contestazione del Le Havre. Paradossalmente questa storia si ripeterà tra pochi anni, ma in maniera molto più beffarda per i Red Devils. In FIFA 12, Pogba c'è grazie ai 70 minuti che ha giocato prima del ritorno (dopo il ritiro) di Paul Scholes nel centrocampo dello United, che taglia le gambe alla sua partenza nei grandi campionati, e anche alle valutazioni delle sue prestazioni.

Sappiamo poco di Pogba in quell'anno, ma i numeri ci dicono che in quei 70 minuti giocati ha tirato, dribblato, intercettato, passato (e sbagliato) una quantità impressionante di palloni, facendolo apparire come un centrocampista che vuole fare qualsiasi cosa e, soprattutto, potrebbe fare qualsiasi cosa. FUT ce lo presenta principalmente come un giocatore difensivo, alla Vieira, con valori di Passaggio miseri (da 50 durante l'anno passa a 62) e buoni valori solo in Velocità e Difesa (a fine stagione 79 e 77). L'overall che passa da 55 a 64 non gli rende giustizia, ma è un altro il cambiamento che lo premierà: il trasferimento alla Juventus di Antonio Conte. Sempre a parametro zero, sempre con una piccola multa, si parla di 300 mila euro, una spesa ridicola, conoscendo il futuro del giocatore.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli