Italia markets open in 5 hours 4 minutes
  • Dow Jones

    35.490,69
    -266,19 (-0,74%)
     
  • Nasdaq

    15.235,84
    +0,12 (+0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.813,41
    -284,83 (-0,98%)
     
  • EUR/USD

    1,1606
    0,0000 (-0,00%)
     
  • BTC-EUR

    50.735,51
    -1.870,17 (-3,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.410,40
    -63,93 (-4,34%)
     
  • HANG SENG

    25.705,57
    +76,83 (+0,30%)
     
  • S&P 500

    4.551,68
    -23,11 (-0,51%)
     

Filiera Italia: cibo del futuro non si fa in laboratorio

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 18 set. (askanews) - "Non si abbassi la guardia sulla tutela Dieta Mediterranea contro sistemi di etichettatura penalizzanti" questo l'alert che Filiera Italia lancia dal G20 dove è presente insieme a Coldiretti con uno spazio di incontro e informazione sui grandi temi del settore.

A una settimana dall'incontro previsto per il 21 settembre, del gruppo di lavoro del Codex Alimentarius - l'organismo della Fao che dovrà prendere una decisione potenzialmente definitiva sull'adozione di linee guida sul Front of Pack Nutritional Labelling - Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia, torna a porre l'accento sul pericolo che potrebbero correre le nostre eccellenze alimentari. "Se venisse introdotto un sistema di etichettatura come il Nutriscore - ha detto Scordamaglia - vedremmo premiati con un incoraggiante bollino verde cibi frutto di sintesi di laboratorio, mentre sarebbe riservato a prodotti naturali come il parmigiano o il nostro olio extravergine di oliva un allarmante bollino rosso".

E la minaccia non è solo il Nutriscore ma anche altri sistemi, come quello a semaforo attivo in Gran Bretagna o il "bolino nero" sudamericano "Sistemi - ricorda il consigliere delegato - voluti da multinazionali che mirano a sostituire con la chimica alimenti frutto di una grande tradizione come è quella del Made in Italy". E conclude Scordamaglia "La vera sfida del futuro è essere sostenibili applicando tecnologia avanzata e innovazione costante e perseguendo il modello di filiera, non certo spostando la produzione di cibo nei laboratori chimici".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli