Italia markets open in 2 hours 8 minutes
  • Dow Jones

    34.077,63
    -123,04 (-0,36%)
     
  • Nasdaq

    13.914,77
    -137,58 (-0,98%)
     
  • Nikkei 225

    29.051,26
    -634,11 (-2,14%)
     
  • EUR/USD

    1,2066
    +0,0025 (+0,21%)
     
  • BTC-EUR

    45.888,79
    -1.890,54 (-3,96%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.249,84
    -49,12 (-3,78%)
     
  • HANG SENG

    29.105,73
    -0,42 (-0,00%)
     
  • S&P 500

    4.163,26
    -22,21 (-0,53%)
     

A fine 2020 calano reddito e potere d’acquisto delle famiglie

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 2 apr. (askanews) - Nel quarto trimestre 2020 il reddito disponibile lordo delle famiglie consumatrici è diminuito dell'1,8% rispetto al trimestre precedente. A fronte di un aumento del deflatore implicito dei consumi dello 0,2%, il potere d'acquisto è diminuito del 2,1%. Lo ha reso noto l'Istat.

La propensione al risparmio delle famiglie consumatrici, sempre nel quarto trimestre, è stata pari al 15,2% (+0,5 punti percentuali rispetto al trimestre precedente). Tale aumento deriva da una flessione della spesa per consumi finali più sostenuta rispetto a quella registrata dal reddito disponibile lordo (-2,5% e -1,8% rispettivamente).

Il tasso di investimento delle famiglie consumatrici nel quarto trimestre del 2020 è stato pari al 5,7%, 0,1 punti percentuali più basso rispetto al trimestre precedente, a fronte di una flessione degli investimenti fissi lordi del 2,7% e della già segnalata diminuzione dell'1,8% del reddito lordo disponibile.

"Il reddito disponibile delle famiglie - ha spiegato l'Istat - ha segnato, dopo il recupero del terzo trimestre, un nuovo calo che si è tradotto in una riduzione del potere di acquisto. Il tasso di risparmio è nuovamente aumentato nel quarto trimestre, per la più accentuata contrazione della spesa per consumi finali delle famiglie".

Mlp