Italia markets closed
  • Dow Jones

    27.507,53
    -828,04 (-2,92%)
     
  • Nasdaq

    11.308,94
    -239,34 (-2,07%)
     
  • Nikkei 225

    23.494,34
    -22,25 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,1822
    -0,0046 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    10.896,54
    -202,54 (-1,82%)
     
  • CMC Crypto 200

    256,91
    -6,50 (-2,47%)
     
  • HANG SENG

    24.918,78
    +132,68 (+0,54%)
     
  • S&P 500

    3.383,30
    -82,09 (-2,37%)
     

Fipe: "Con chiusura locali alle 24 più 'mala movida'"

webinfo@adnkronos.com
·2 minuti per la lettura

"Con la chiusura dei locali alle 24 a nostro parere si avrà un'amplificazione della 'mala movida'. Dopo l'orario di chiusura dei bar, è molto probabile che i giovani, se non ci saranno controlli capillari, si allontanino dal pubblico esercizio per continuare a bere da qualche altra parte, senza la possibilità del controllo da parte dell'esercente, che c'è fino a che il locale resta aperto. In pratica stiamo dando ai giovani la possibilità di fare quello che vogliono". Così, con Adnkronos/Labitalia, Matteo Musacci, vice presidente nazionale di Fipe-Confcommercio, commenta l'ultimo Dpcm del governo.

"La chiusura dei locali alle 24 è un provvedimento che non ha senso. Perché posso stare seduto in un locale, con il rispetto dei distanziamento, dalle 23 alle 24 e poi non posso starci dalle 24 all'1? E poi perché si dice che si vieta di permanere fuori dai locali quando il divieto di assembramento è già previsto? La verità è che con questo provvedimento per moltissimi locali non avrà più senso aprire. E sono migliaia: street bar, birrerie. Ma il danno economico con perdita del fatturato ci sarà anche per pizzerie, pub, ristoranti, cocktail bar che lavorano fino a tardi".

Secondo Musacci, che è anche presidente dei giovani Fipe e di Fipe Emilia Romagna "le soluzioni per salvaguardare la salute pubblica ci sono e senza colpire in modo indiscriminato le attività. Noi a Ferrara abbiamo realizzato un progetto come Fipe, in collaborazione con gli enti locali e la Prefettura, che prevede l'ingresso contingentato nella zona della movida. Potrebbe essere un modello, magari non realizzabile in tutte le realtà, ma che va nella strada giusta della collaborazione tra il privato e lo Stato", sottolinea.

Ma per Musacci è ancora più grave che "il governo emana questi provvedimenti ma non dice come pensa di supportare i locali che ne pagheranno gli effetti. Ci sarà la cassa integrazione, una qualche forma di ristoro?...", conclude amaro Musacci.

(di Fabio Paluccio)