Italia markets open in 39 minutes
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,42 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,93 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,75 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1716
    -0,0015 (-0,13%)
     
  • BTC-EUR

    38.976,01
    -2.247,36 (-5,45%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.140,20
    -85,33 (-6,96%)
     
  • HANG SENG

    24.104,01
    -816,75 (-3,28%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     

Fipe: per la ristorazione niente piena ripresa fino al 2023

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 7 set. (askanews) - I dati diffusi oggi da Bankitalia confermano che la ristorazione è stato tra i settori più colpiti dagli effetti della pandemia e dalle misure restrittive: ad aprile 2021, l'80% delle famiglie italiane dichiara di aver ridotto i suoi consumi in bar e ristoranti rispetto al periodo pre pandemia. "Ora l'estate ha fatto segnare un primo, deciso, balzo in avanti con i ricavi del settore in crescita di 1,2 miliardi nel solo mese di agosto. Se il quadro sanitario evolverà positivamente, con il progredire della campagna vaccinale non solo a livello nazionale ma anche internazionale, l'obiettivo di riportare la ristorazione ai livelli di fatturato dell'estate 2019 sarà a portata di mano ma solo nel 2023". A fare i conti è l'Ufficio Studi di Fipe-Confcommercio, la Federazione italiana dei Pubblici esercizi, che commenta e integra i dati diffusi oggi da Bankitalia.

A determinare un ulteriore ritardo nel ritorno dei fatturati del comparto ai livelli pre covid, la lenta ripresa del turismo internazionale: i 6 miliardi di euro garantiti ogni agosto dai visitatori provenienti dagli Stati Uniti, dall'Asia e dagli altri Paesi europei fino al 2019, infatti, sono stati compensati solo in parte nel corso dell'estate.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli