Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,71 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,85 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    66,22
    -0,28 (-0,42%)
     
  • BTC-EUR

    41.642,85
    -9.025,20 (-17,81%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • Oro

    1.783,90
    +21,20 (+1,20%)
     
  • EUR/USD

    1,1317
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8550
    +0,0056 (+0,66%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4528
    +0,0056 (+0,39%)
     

Fire: "Investimenti ed energy manager per guidare la transizione"

·3 minuto per la lettura

“Ci troviamo di fronte a una trasformazione profonda del sistema economico in chiave energetica, e le rivoluzioni si fanno anzitutto con le persone, a partire dagli energy manager, in prima fila nel guidare le imprese in questa trasformazione". Lo ha dichiarato Dario Di Santo, direttore Fire (Federazione italiana per l'uso razionale dell'energia), in occasione della conferenza Enermanagemente, sottolineando il ruolo chiave degli energy manager nella transizione energetica. Secondo Di Santo sono "numerose le sfide da affrontare per i circa 2.500 energy manager nominati in Italia: il cambiamento delle priorità aziendali, la complessità dell’efficienza energetica, l’ampliamento delle dimensioni dell’energy management, le politiche sempre più stringenti e ambiziose".

"Ma è una sfida che dobbiamo vincere, perché per le imprese sarà fondamentale costruire in questi anni modelli di business a basso contenuto di carbonio e sostenibili per crescere, assicurarsi la competitività e non subire il caro prezzi e le trasformazioni in corso. Per questo occorre rivedere i criteri di scelta degli investimenti e puntare sugli energy manager (e sulle altre figure impegnate in questa rivoluzione)”.Molti i filoni collegati con questa rivoluzione in atto: l’obbligatorio cambio di comportamenti e business, le comunità energetiche, le scelte tecnologiche, l’elettrificazione diffusa e altri che sono stati illustrati durante la mattinata. Tra gli strumenti che possono aiutare le imprese e gli enti in questa trasformazione la Fire segnala i Sistemi di gestione dell’energia (Sge).

L’adozione di un Sge avvia un cambiamento consistente nell’impresa: il sistema facilita l’analisi sui benefici multipli e avvia un percorso di partecipazione condivisa alle politiche e alle azioni energetiche aziendali. Oggi la maggior parte delle organizzazioni certificate rientra nel settore industriale. Da un’indagine Fire-Cti è emerso che le organizzazioni che hanno adottato un Sge, oltre ai risparmi energetici, riscontrano un miglioramento dell’immagine aziendale sul mercato, nonché migliore gestione delle risorse aziendali e minore emissione di gas clima-alternanti.

Marco Rossi di Viessmann ha poi parlato di comunità energetiche, evidenziando che l’autoconsumo diretto o 'differito' dell’energia elettrica autoprodotta comporta la massima valorizzazione economica possibile del medesimo quantitativo energetico. Nel breve futuro, l’appartenenza ad un gruppo di autoconsumatori comporterà, a fronte di un investimento iniziale, un flusso di cassa positivo che negli anni potrebbe essere investito in iniziative che la comunità stessa ritiene necessarie opportuno, come il potenziamento degli impianti a fonti rinnovabili o interventi di efficientamento energetico.

L’emission trading è un argomento strettamente collegato con i temi energy management, sostenibilità e decarbonizzazione. Sebastiano Serra del Mite ha parlato dei possibili meccanismi di riduzione delle emissioni per l’Italia, dell’importanza che le imprese realizzino interventi per ridurre le emissioni in ragione della riduzione progressiva delle quote gratuite e dell’incremento del prezzo delle quote sul mercato, e dei controlli in campo (ispezioni ed audit, obblighi di manutenzione).

Serra ha spiegato che la riduzione di emissione di CO2 viene spinta dal modo in cui le assegnazioni di quote sono distribuite in maniera ridotta da un anno all’altro e dal costo della quota. In Italia nella quarta fase (2021-2025) di applicazione della Direttiva circa 1.100 impianti ricadranno sotto l’Ets, dei quali circa 250 impianti sono piccoli emettitori e sono sottoposti ad un regime semplificato. A chiudere i lavori è stata Valeria Caso di Fire con il progetto Iccee che si rivolge alle piccole e medie imprese, ma non solo, operanti nel settore alimentare. Il progetto mette a disposizione gratuitamente dei tool online utili per individuare e realizzare interventi per l’efficientamento energetico della filiera del freddo (cold chain).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli