Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.381,35
    -256,37 (-1,13%)
     
  • Dow Jones

    30.814,26
    -177,26 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,14 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.519,18
    -179,08 (-0,62%)
     
  • Petrolio

    52,04
    -1,53 (-2,86%)
     
  • BTC-EUR

    28.797,83
    -177,44 (-0,61%)
     
  • CMC Crypto 200

    701,93
    -33,21 (-4,52%)
     
  • Oro

    1.827,70
    -23,70 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,2085
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    28.573,86
    +77,00 (+0,27%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.599,55
    -41,82 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8887
    +0,0010 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0764
    -0,0029 (-0,26%)
     
  • EUR/CAD

    1,5375
    +0,0014 (+0,09%)
     

A Firenze Facoltà ingegneria presenta robot contro mine antiuomo

Pie

Roma, 15 ott. (askanews) - Mietono vittime quando i conflitti sono conclusi e rimangono a lungo una minaccia per la popolazione civile. Per individuare in sicurezza le mine antiuomo, il gruppo di ricerca dell'Università di Firenze coordinato da Lorenzo Capineri ha messo a punto un robot dotato di radar olografici e sensori per il rilievo del terreno, che può rintracciare gli ordigni senza mettere a rischio gli operatori. Il robot sarà presentato mercoledì 17 ottobre, alla Scuola di Ingegneria a Firenze, in occasione dell'"Advanced Research Workshop on Explosive Detection" organizzato nell'ambito del programma "Science for Peace and Security" della Nato. Nel 2015 il team dell'Ateneo fiorentino è stato scelto dall'organizzazione internazionale come partner del programma - che promuove il dialogo e la cooperazione internazionale sulla base della ricerca scientifica, dell'innovazione tecnologica e dello scambio di conoscenze - per sviluppare nuove tecnologie elettroniche utili a rendere più efficiente e sicura la rilevazione di ordigni esplosivi durante le azioni di sminamento umanitario. I radar olografici ideati dai ricercatori Unifi, infatti, sono in grado di ottenere immagini ad alta risoluzione di oggetti sotterrati, rilevandone in modo veloce e accurato dimensioni e forma. Essendo montati sul robot, eliminano i rischi all'incolumità degli operatori addetti allo sminamento e riescono a lavorare in condizioni ambientali complesse e con maggiore produttività. Il convegno internazionale, che proseguirà anche giovedì 18 ottobre, sarà l'occasione per presentare i più recenti sviluppi della ricerca nel campo della rivelazione di ordigni sepolti. Alla giornata inaugurale prenderanno parte Luigi Dei, rettore dell'Università di Firenze, e Robert Weaver, responsabile della Emerging Security Challenges Division della Nato.