FTSE MIB
21.534,52
+717,03
+3,44%
Genera grafico per FTSEMIB.MI
ALL-SHARE
22.950,83
+716,20
+3,22%
ITLMS.MI
Ftse 100
6.584,17
+42,56
0,65%
^FTSE
Dax
9.317,82
+144,11
+1,57%
^GDAXI
Dow Jones
16.424,85
+162,29
+1,00%
^DJI
S&P 500
1.862,31
+19,33
+1,05%
^GSPC
Nikkei 225
14.495,95
+78,27
0,54%
^N225
Euro-Dollaro
1,3838
0,0022
0,16%
Genera grafico per EURUSD=X
Euro-Sterlina
0,8221
0,0004
0,05%
EURGBP=X
Euro-Franc...
1,2184
0,0002
0,01%
EURCHF=X
Dollaro-St...
0,5941
0,0012
0,21%
USDGBP=X
Euro-Yen
141,3360
0,0793
0,06%
EURJPY=X
Euro-Yuan
8,6081
0,0138
0,16%
EURCNY=X
Euro-Rublo
49,7776
0,0445
0,09%
EURRUB=X
Petrolio gr.
103,91
0,15
0,14%
Genera grafico per CLK14.NYM
Gas naturale
4,53
0,00
0,09%
NGK14.NYM
Oro
1.303,60
0,10
0,01%
GCM14.CMX
Argento
19,66
0,02
0,11%
SIK14.CMX
Rame
3,03
0,01
0,20%
HGK14.CMX
Grano
689,50
+1,50
0,22%
WK14.CBT
Mais
504,75
+1,25
0,25%
CN14.CBT
 

Fiscal Cliff, che cos'è il "precipizio fiscale" che terrorizza i mercati internazionali

Sta spaventando l’economia internazionale. Il fiscal cliff, letteralmente “precipizio fiscale”, è lo spauracchio che può mettere in ginocchio la ripresa americana. Il baratro fiscale è la congiuntura di diverse scadenze relative alla politica economica statunitense che, senza un intervento politico nei prossimi 45 giorni, dal primo gennaio 2013 porterà il Paese alla recessione e il governo federale a rischio default. Ma cos’è il tanto temuto fiscal cliff?

Sono principalmente due gli elementi da analizzare. Il primo è la scadenza dei tagli fiscali decisi dall’amministrazione Bush nel 2001: l’allora presidente per far passare le misure che riducevano le tasse dei redditi più alti, aveva fissato il limite temporale alla fine del 2012. Quindi dal primo gennaio scatterà un aumento indifferenziato di tasse per tutte le fasce della popolazione, con le aliquote che torneranno a salire per tutti. Per semplificare lo scenario, questo aumento, unito ad altri balzelli, provocherebbe un crollo del Pil di circa quattro punti, facendolo passare da un cauto +2% stimato ad un -2, o secondo qualche analista più pessimista, addirittura a -4%. Il che significherebbe affossare la lenta e difficoltosa ripresa economica a stelle e strisce.

L’altro fattore da considerare quando si parla di fiscal cliff è il “debt ceiling”, ossia il tetto di indebitamento. E qui entra in gioco il Congresso. In America, infatti, è la Camera, insieme al Senato, a decidere quanto il governo federale può indebitarsi, fissando un tetto. La Camera dei rappresentanti, però, è a maggioranza repubblicana e non ha alcuna intenzione di avallare la proposta del presidente Obama sull’aumento delle tasse per i redditi più alti. Se l’autorizzazione all’aumento del tetto di indebitamento non viene data, il governo dovrebbe mantenersi con il denaro delle sole imposte già incassate, con il risultato di rischiare il fallimento. Già nel 2011 il Congresso aveva dato il via libera per l’aumento del debt ceiling, ma a patto di richiedere una nuova autorizzazione entro il 31 dicembre 2012. Una data non certo causale, in concomitanza con la rielezione di Obama alla Casa Bianca.

La situazione, adesso, si sposta sulla disputa politica. La Camera dovrà varare una nuova legge in tema fiscale, ma le posizioni dei repubblicani e quelle di Barack Obama sulle imposte dei redditi elevati sono oggi inconciliabili. Se non si dovesse trovare un accordo, dal 2013 scatteranno aumenti per tutti, con stime che parlano di circa 3mila e 500 dollari che ogni famiglia americana di troverebbe a spendere in più all’anno. La Camera potrebbe, allora, decidere di non votare per l’aumento dell’indebitamento, con la conseguenza di una crisi gravissima per l’economia americana e, di rimando, anche per quella del resto del mondo.

Una soluzione, ad ogni modo, bisognerà trovarla. L’incertezza, diversamente, rischia di pesare sugli umori dei mercati. Se repubblicani e democratici non dovessero arrivare ad un accordo sul “cliff”, la faccenda potrebbe essere sistemata a gennaio o febbraio con una legge retroattiva. La Camera può non cedere sulla proposta democratica di aumentare le tasse limitatamente ai redditi superiori ai 250mila dollari annui. Obama, da canto suo, può lasciare che l’aumento automatico di tutte le aliquote fiscali si realizzi, per poi farsi promotore a gennaio di una legge che ne preveda la riduzione retroattiva, tranne che per i redditi superiori a 250mila dollari.

Si tratta, comunque, di ipotesi su scenari futuri. Il presidente degli Stati Uniti e il Congresso dovranno trovare la quadra del cerchio prima della fine dell’anno per evitare che l’incertezza, come detto, sulla politica fiscale non porti altri effetti negativi pronti a gravare sulle spese delle aziende e delle famiglie. Ad un compromesso, quindi, si arriverà. Magari che non stravolgerà gli equilibri, ma sufficiente per non far sprofondare gli Usa nel baratro fiscale.

Discesa da 3 a 5 barre
Qui di seguito tratteremo un pattern elaborato da Oliver Velez e Frank Capra, autori di Master Trader, che reputo uno tra i migliori libri tradotti in italiano sulle tecniche di trading...
Come usare la
Andrews' Pitchfork

La Andrews’ Pitchfork prende
il nome dal suo ideatore, Alan Andrews che ha messo a punto questo strumento per identificare
gli obiettivi di prezzo e calcolare
la velocità con la quale tali obiettivi possono essere raggiunti...
Un setup completo di ingresso con la Barra di Esaurimento
Uno dei miei pattern preferiti
di inversione è senz’altro quella
che definisco come “Barra di Esaurimento” che per brevità
d’ora innanzi indicheremo con
la sigla “BE”...


UNA PAROLA AL GIORNO


Rialzista
Sai che cosa si indica con questo termine nel linguaggio finanziario e borsistico? Scoprilo subito!


Le ultime notizie

  • Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare
    Fiscal Cliff, corsa contro il tempo Yahoo! Finanza - ven 28 dic 2012 18:35 CET

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa … Continua »Fiscal Cliff, corsa contro il tempo

    Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa sempre più minaccioso anche perché, ad oggi, il presidente Barack Obama e il Congresso (a maggioranza repubblicana) non hanno trovato nessun accordo.

  • Barack Obama torna alla Casa Bianca
    Stati Uniti, minaccia fiscal cliff Yahoo! Finanza - ven 21 dic 2012 14:42 CET

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti … Continua »Stati Uniti, minaccia fiscal cliff

    Barack Obama torna alla Casa Bianca

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti necessari. Il “piano B” di Boehner prevedeva un aumento delle tasse solo per chi guadagna oltre un milione di dollari.

  • Europa, ora il debito tedesco fa paura Yahoo! Finanza - mer 19 dic 2012 16:26 CET

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della … Continua »Europa, ora il debito tedesco fa paura

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della spesa previdenziale e sanitaria di uno Stato sempre più vecchio. Il Rischio è che il debito non scenderà sotto il 60% del Pil prima del 2030. Uno smacco …

  • La mossa di Mario Draghi
    Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT Yahoo! Finanza - ven 14 dic 2012 14:52 CET

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore … Continua »Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT

    La mossa di Mario Draghi

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore della Banca Centrale Europea.

  • Che Mario Monti non sia Lohengrin?
    Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare … Yahoo! Finanza - mer 12 dic 2012 17:04 CET

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che … Continua »Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare …

    Che Mario Monti non sia Lohengrin?

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che aveva già avviato, come quella del riordino delle Provincie o la delega fiscale.