FTSE MIB
21.675,75
-259,59
-1,18%
Genera grafico per FTSEMIB.MI
ALL-SHARE
23.117,72
-259,18
-1,11%
ITLMS.MI
Ftse 100
6.674,74
-7,02
0,11%
^FTSE
Dax
9.544,19
-55,90
0,58%
^GDAXI
Dow Jones
16.501,65
-12,72
0,08%
^DJI
S&P 500
1.875,39
-4,16
0,22%
^GSPC
Nikkei 225
14.546,27
+157,50
+1,09%
^N225
Euro-Dollaro
1,3818
0,0013
0,10%
Genera grafico per EURUSD=X
Euro-Sterlina
0,8246
0,0041
0,50%
EURGBP=X
Euro-Franc...
1,2207
0,0009
0,08%
EURCHF=X
Dollaro-St...
0,5959
0,0015
0,26%
USDGBP=X
Euro-Yen
141,7050
0,0694
0,05%
EURJPY=X
Euro-Yuan
8,6188
0,0079
0,09%
EURCNY=X
Euro-Rublo
49,3359
0,0608
0,12%
EURRUB=X
Petrolio gr.
101,47
0,28
0,28%
Genera grafico per CLM14.NYM
Gas naturale
4,75
0,01
0,23%
NGM14.NYM
Oro
1.283,90
+2,80
0,22%
GCM14.CMX
Argento
19,45
0,09
0,46%
SIK14.CMX
Rame
3,06
0,00
0,08%
HGK14.CMX
Grano
683,50
+4,00
0,59%
WN14.CBT
Mais
509,00
+7,00
+1,39%
CN14.CBT
 

Fiscal Cliff, corsa contro il tempo

Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa sempre più minaccioso anche perché, ad oggi, il presidente Barack Obama e il Congresso (a maggioranza repubblicana) non hanno trovato nessun accordo. Le trattative sono frenetiche e a risentirne, tra gli altri, è anche la Borsa. Il summit decisivo inizierà nella serata di venerdì per protrarsi fino a quando si troverà, se si arriverà, ad un accordo.

Se non si trovasse la fatidica quadratura del cerchio, dal primo gennaio scatteranno tagli automatici alla spesa pubblica per 1.200 miliardi (in dieci anni) con un contestuale aumento delle tasse del 2%. Anche per questo, la Camera Usa è stata convocata in sessione straordinaria. I deputati potrebbero rimanere “in sessione” ininterrottamente fino al 2 gennaio, data di scadenza dell’attuale Congresso, pur di votare nei tempi consentiti il testo dell’intesa che giungerà poi in Senato.

In altre parole, l’America rischia il default. E per non essere troppo catastrofistici, il Paese entrerebbe in recessione senza un accordo che eviti il baratro. Nella scorsa settimana il ministro del Tesoro Geithner ha annunciato che lo Stato ha speso quasi tutti i 16mila e 394 trilioni di dollari consentiti all’intesa del 2011, quella che fissò il tetto del debito. Il ministro del Tesoro potrà arrivare, al massimo, a tirare altri due mesi, ma senza nuove soluzioni fiscali gli Stati Uniti sono destinati alla recessione. Obama è tornato al lavoro dalle Hawaii per dare il via a negoziato. Nelle settimane scorse il presidente aveva offerto allo Speaker della Camera, Boehner un accordo che prevedeva tagli alla spesa per circa un trilione di dollari e aumenti delle tasse per redditi superiori ai 400mila dollari l’anno. Boehner, ostaggio della corrente del Tea Party contraria a qualsiasi incremento fiscale, ha risposto con una proposta che coinvolgeva solo i redditi superiori al milione di dollari. Tutto inutile, anche la stessa base repubblicana ha rifiutato l’eventualità.

La situazione è da affrontare in tempi brevi. L’ipotesi è una legge minima che estenda le agevolazioni fiscali per chi guadagna meno di 250mila dollari, sospenda i tagli automatici alla spesa, e conservi i sussidi a due milioni di disoccupati, in attesa di raggiungere un accordo più ampio. Si tratterebbe, in buona sostanza, di un compromesso. Piuttosto che niente, meglio piuttosto. Ma non è certo, anzi, che le parti trovino un punto di contatto. Obama vorrebbe una soluzione, ma c’è anche chi sostiene che lo stesso presidente vorrebbe che non si trovasse perché dopo il fallimento di Boehner la colpa del “fiscal cliff” ricadrebbe sui repubblicani che la pagherebbero, a caro prezzo, nelle prossime elezioni del 2014. Boehner, dal canto suo, non vuole accordi che compromettano le sue possibilità di essere riconfermato Speaker il 3 gennaio, figurando come colui che ha dato il là all’aumento delle imposte. Una volta finiti nel baratro fiscale, comunque, le tasse aumenteranno per tutti. Come dire, ognuno fa il suo gioco politico. E mercati, nel frattempo, non scherzano affatto. Le ansie statunitensi si ripercuotono su tutte le Piazze. E così a Milano, Piazza Affari cede lo 0,6%, Londra lo 0,6% come Francoforte e Parigi l’1,3%. Le vendite a Madrid sono in calo di oltre il 20%, mentre si prepara al delisting a inizio 2013. Si rafforza l’euro a quota 1,3229 contro il dollaro, crolla invece lo yen. Negli Usa, a Wall Street il Dow Jones è in rosso dello 0,7%, il Nasdaq dello 0,5% e l’S&P dello 0,8%.


Discesa da 3 a 5 barre
Qui di seguito tratteremo un pattern elaborato da Oliver Velez e Frank Capra, autori di Master Trader, che reputo uno tra i migliori libri tradotti in italiano sulle tecniche di trading...
Come usare la
Andrews' Pitchfork

La Andrews’ Pitchfork prende
il nome dal suo ideatore, Alan Andrews che ha messo a punto questo strumento per identificare
gli obiettivi di prezzo e calcolare
la velocità con la quale tali obiettivi possono essere raggiunti...
Un setup completo di ingresso con la Barra di Esaurimento
Uno dei miei pattern preferiti
di inversione è senz’altro quella
che definisco come “Barra di Esaurimento” che per brevità
d’ora innanzi indicheremo con
la sigla “BE”...


UNA PAROLA AL GIORNO


Rialzista
Sai che cosa si indica con questo termine nel linguaggio finanziario e borsistico? Scoprilo subito!


Le ultime notizie

  • Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare
    Fiscal Cliff, corsa contro il tempo Yahoo! Finanza - ven 28 dic 2012 18:35 CET

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa … Continua »Fiscal Cliff, corsa contro il tempo

    Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa sempre più minaccioso anche perché, ad oggi, il presidente Barack Obama e il Congresso (a maggioranza repubblicana) non hanno trovato nessun accordo.

  • Barack Obama torna alla Casa Bianca
    Stati Uniti, minaccia fiscal cliff Yahoo! Finanza - ven 21 dic 2012 14:42 CET

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti … Continua »Stati Uniti, minaccia fiscal cliff

    Barack Obama torna alla Casa Bianca

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti necessari. Il “piano B” di Boehner prevedeva un aumento delle tasse solo per chi guadagna oltre un milione di dollari.

  • Europa, ora il debito tedesco fa paura Yahoo! Finanza - mer 19 dic 2012 16:26 CET

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della … Continua »Europa, ora il debito tedesco fa paura

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della spesa previdenziale e sanitaria di uno Stato sempre più vecchio. Il Rischio è che il debito non scenderà sotto il 60% del Pil prima del 2030. Uno smacco …

  • La mossa di Mario Draghi
    Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT Yahoo! Finanza - ven 14 dic 2012 14:52 CET

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore … Continua »Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT

    La mossa di Mario Draghi

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore della Banca Centrale Europea.

  • Che Mario Monti non sia Lohengrin?
    Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare … Yahoo! Finanza - mer 12 dic 2012 17:04 CET

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che … Continua »Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare …

    Che Mario Monti non sia Lohengrin?

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che aveva già avviato, come quella del riordino delle Provincie o la delega fiscale.