Fiscal Cliff, gli Usa evitano il baratro fiscale anche con tasse insolite.

Niente Capodanno per il Congresso Usa: l'approvazione del Fiscal cliff, la legge per evitare il "baratro fiscale" è stata piuttosto travagliata, con una votazione durata circa 80 ore. Il sì del Senato è arrivato in piena notte (le 5 del mattino in Italia), con 257 voti a favore e 167 contrari.
A creare suspance, la spaccatura all'interno del Partito Repubblicano alla Camera dei rappresentanti, dove alla fine a vincere sono stati i no: 151 rispetto agli 85 voti favorevoli.

Il fulcro centrale del disegno di legge riguarda la tassa sui super ricchi, promessa dal presidente Obama: da oggi chi avrà reddito superiore ai 400mila dollari si vedrà aumentare l'aliquota al 39,6%. Un accordo raggiunto faticosamente, visto il voto contrario di una parte dei conservatori che lamentava la mancanza di un provvedimento idoneo sui tagli alla spesa pubblica.
Per le famiglie della middle class, invece, confermati gli sgravi fiscali, oltre a rendere permanenti le aliquote della minimum tax.

Ad aumentare, anche la tassa di successione: la legge prevede infatti un innalzamento dal 35% al 40% sulle proprietà che superano il valore di 10 milioni di dollari. Agevolazioni e proroghe si trovano in merito all'indennità di disoccupazione,  che verranno estese fino alla fine del 2013, agli studenti (crediti di imposta per chi ha figli da mandare al college estesi per cinque anni) e alle imprese che innovano, estendento il credito di imposta fino alla fine dell'anno, ma solo per quelle aziende che investono in ricerca e innovazione e per le fonti rinnovabili.

Ma nelle 157 pagine del disegno di legge ci sono anche normative e proroghe di tasse che sarebbero dovute scadere a fine anno e che Washington non ha reso al momento pubbliche, riportate dal sito Business Insider. Leggi che, a confronto con le stangate avanzate dalla Legge di Stabilità o dalla spending review, sono cosa da poco.
Ad esempio, una tassa sul rum proveniente da Puerto Rico, o un aumento del credito di imposta sui veicoli elettrici a due e tre ruote.
Prorogate inoltre leggi speciali esclusive per la tv commerciale o addirittura incentivi per i soli agricoltori di asparagi. Proroghe che, secondo BI, sono state necessarie perchè "ogni volta che si presenta un conto salato in occasione di tasse che scadono, queste vengono inequivocabilmente estese".

Nonostante tutto, il presidente Usa la definisce "una vittoria per le famiglie della classe media e per l’economia” che gli consente di mantenere ”la promessa di chiedere al due per cento di americani di pagare di più proteggendo il 98 per cento delle famiglie e il 97 per cento delle piccole aziende da ogni aumento delle tasse”.