Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.192,62
    -27,50 (-0,17%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Fisco, Razzante: "Contante è strumento di civiltà e inclusione"

(Adnkronos) - "Il contante è uno strumento di civiltà e inclusione finanziaria, soprattutto delle fasce più deboli della popolazione. Essere contro l'innalzamento della soglia per la sua circolazione va spiegato ai milioni di italiani che lo utilizzano e soprattutto a quelli che non hanno un conto corrente bancario ed una carta di credito, circa 15 milioni per essere attendibili". Non usa mezzi termini Ranieri Razzante, docente di legislazione antiriciclaggio nell'università di Bologna e tra gli autori delle norme antiriciclaggio oggi vigenti.

"Il contante ci viene consegnato attraverso il sistema bancario centrale, e proprio la Banca d'Italia, quattro giorni fa, in un suo rapporto, rileva una significativa riduzione del suo utilizzo nell'ultimo triennio - ricorda all'Adnkronos - Studi recenti di varia natura, ma sempre provenienti da istituti finanziari e centri di ricerca, testimoniano il cosiddetto 'sorpasso' degli strumenti alternativi al contante rispetto alla moneta cartacea. Le autorità di settore e di polizia, nei loro rapporti, segnalano in questi ultimi cinque anni l'allarme per l'utilizzo da parte della criminalità organizzata di cryptovalute, crypto asset e Dark web per regolare i traffici illeciti, nonché per riciclare il denaro che ne deriva".

"Mi piace ricordare inoltre che il nostro codice civile, mai modificato dal 1942, sancisce l'obbligo di regolare le obbligazioni pecuniarie con la moneta che ha corso legale all'atto dell'adempimento, cioè l'euro per noi. L'alternativa e' benvenuta - sottolinea - dato che i progressi raggiunti nella regolazione dei flussi finanziari e monetari non possono che essere salutati con soddisfazione in termini di trasparenza e sicurezza per i cittadini. Al contempo non vi sono dubbi che la nuova frontiera della criminalità economica sia costituita da pagamenti non contestuali, a distanza e sofisticati. Cosa evidentemente inconciliabile, se non altro per problemi fisici, con le valigette e i sacchi di contante".

"Basterebbe quindi ricorrere alle fonti ufficiali per non sbagliare i calcoli - suggerisce l'esperto - Il sommerso certificato dall'Istat non risulta diminuito per effetto del tetto al contante, e questo purtroppo non è mai avvenuto quantomeno dal 2000 in poi, nonostante le variazioni al limite di circolazione. Opportuno quindi l'innalzamento, magari non a 10.000€ ma, più ragionevolmente, a 3.000€, se non altro per consentire i pagamenti e i regali, perché no, a quei cittadini che ancora non dispongono di strumenti alternativi e che non desiderano sopportarne i costi".

"Sull'abitudine a richiedere scontrini e fatture a fronte dei pagamenti effettuati si dovrebbe aprire un capitolo a parte, che impatta poco sulla tipologia di mezzo di pagamento utilizzato. L'evasione fiscale, quanto meno nel nostro paese ma altresì all'estero, si realizza primariamente con schemi societari e fittizi di tipo commerciale e industriale, tramite pagamenti attraverso bonifici e a fronte di fatture per operazioni inesistenti. Per arrivare a 150 miliardi di evasione fiscale italiana credo ci vorrebbero troppi contanti", conclude Razzante.