Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.848,58
    -214,97 (-0,93%)
     
  • Dow Jones

    30.932,37
    -469,64 (-1,50%)
     
  • Nasdaq

    13.192,35
    +72,92 (+0,56%)
     
  • Nikkei 225

    28.966,01
    -1.202,26 (-3,99%)
     
  • Petrolio

    61,66
    -1,87 (-2,94%)
     
  • BTC-EUR

    38.730,30
    -617,72 (-1,57%)
     
  • CMC Crypto 200

    912,88
    -20,25 (-2,17%)
     
  • Oro

    1.733,00
    -42,40 (-2,39%)
     
  • EUR/USD

    1,2088
    -0,0099 (-0,81%)
     
  • S&P 500

    3.811,15
    -18,19 (-0,48%)
     
  • HANG SENG

    28.980,21
    -1.093,96 (-3,64%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.636,44
    -48,84 (-1,33%)
     
  • EUR/GBP

    0,8664
    -0,0029 (-0,33%)
     
  • EUR/CHF

    1,0965
    -0,0048 (-0,43%)
     
  • EUR/CAD

    1,5376
    +0,0032 (+0,21%)
     

Fitch aggiorna il rating sull'Italia dopo le elezioni

Francesco Melillo

Fitch: per l'Italia rating confermato BBB, outlook confermato stabile.

Fitch per l’Italia vede una riduzione del rapporto del debito/PIL al 128,8% nel 2019. A differenza della campagna elettorale in cui nessun partito (eccetto la coalizione di centro-sinistra) aveva fatto i conti con questi fattori, ritorna l’attenzione all’elevato debito pubblico. Oggi il rapporto debito/PIL è saldamente sopra il 131,5%. Il numero prodotto da Fitch nasce da un lato dalle ottime performance registrate dal denominatore del rapporto nel 2017 (PIL +1,5%) che Fitch aveva stimato ad ottobre al 132,5%, dall’altro dall’ipotesi di continuare sulla strada della ripresa in corso.

Ci si chiede il perchè ancora una volta Fitch, nonostante gli apprezzamenti dell’Italia, a differenza di S&P non alza il rating. Ovviamente l’incertezza politica post-elettorale ed i programmi dei vincitori non aiutano ad essere ottimisti.

Il rischio di un allentamento sulle politiche di bilancio propagandato da molti partiti populisti, desta preoccupazioni.

Al momento i mercati non danno segnali di allarme.

Ma occorre attendere il delinearsi della situazione delle forze di Governo.

In sintesi, il significato dato da Fitch è che se l’Italia continuerà su questo sentiero, il risultato dovrebbe essere quello indicato. Altrimenti con politiche di bilancio poco attente l’obiettivo salterà e con esso anche il rating dei prossimi anni.

Di (KSE: 003160.KS - notizie) fatto è un alert simile a quello sollevato da Moody’s a febbraio in cui definiva molti programmi elettorali “insostenibili”.

Le conseguenze di un downgrade nel 2019 sarebbero gravi. Molto probabilmente il QE verrà interrotto e Draghi non sarà più alla guida dell’Istituto di Francoforte. Il rischio sarà quello di avere a capo il tedesco Weidmann con politiche decisamente meno espansive.

Anche sul fronte NPL c’è l’apprezzamento di Fitch, ma il risultato non ha ancora portato i numeri fuori dall’area di pericolo.

Il messaggio di Fitch è molto chiaro, i consumi e gli investitori hanno fatto la loro parte, per continuare occorre che anche la politica continui e fughi i timori per chi si affaccia dall’esterno per scommettere sul Bel Paese.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online