Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.104,07
    -102,03 (-0,63%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.811,40
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8576
    -0,0009 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    0,9871
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4193
    +0,0068 (+0,48%)
     

Fitch conferma rating all’Italia, BBB con outlook stabile

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 18 nov. (askanews) - Fitch Ratings ha confermato il rating IDR (Issuer Default Rating) a lungo termine dell'Italia a 'BBB', con outlook stabile. È quanto si legge in una nota dell'agenzia di rating.

Tuttavia, si legge, "continuiamo ad aspettarci una forte decelerazione a partire dal quarto trimestre 2022, principalmente a causa dello shock energetico innescato dalla guerra in Ucraina. I prezzi dell'energia estremamente elevati e volatili costituiscono un grande shock negativo dell'offerta e del reddito per l'economia italiana. Questo si riflette in un sostanziale calo del commercio e dei redditi reali, nel deterioramento della fiducia delle imprese e delle famiglie, nell'impennata dell'inflazione e nella debolezza della domanda esterna. L'ultima previsione di crescita è del -0,4 per cento nel 2023 e del 2,2 per cento nel 2024".

Secondo i piani fiscali del nuovo governo, prosegue la nota, "il disavanzo di bilancio diminuirà ulteriormente al 4,5 per cento e al 3,7 per cento del PIL rispettivamente nel 2023 e nel 2024", prosegue la nota, "La nostra previsione di disavanzo è leggermente più alta, principalmente a causa della differenza nelle prospettive macroeconomiche, rispettivamente al 4,9 per cento del pil nel 2023 e al 4,3 per cento nel 2024. Il governo ha deciso di utilizzare la posizione di partenza migliore del previsto per fornire un sostegno temporaneo alle famiglie e alle aziende più vulnerabili per far fronte allo shock energetico".