Italia markets open in 3 hours 45 minutes
  • Dow Jones

    35.911,81
    -201,79 (-0,56%)
     
  • Nasdaq

    14.893,75
    +86,95 (+0,59%)
     
  • Nikkei 225

    28.364,17
    +239,89 (+0,85%)
     
  • EUR/USD

    1,1423
    +0,0008 (+0,07%)
     
  • BTC-EUR

    37.486,23
    -455,53 (-1,20%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.027,97
    +2,24 (+0,22%)
     
  • HANG SENG

    24.240,11
    -143,21 (-0,59%)
     
  • S&P 500

    4.662,85
    +3,82 (+0,08%)
     

Fivi a R. Piemonte: regione diventi laboratorio riforma consorzi

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 4 gen. (askanews) - La regione Piemonte deve essere protagonista nella riforma sulla rappresentatività nei Consorzi. A chiederlo le delegazioni piemontesi della Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti (Fivi) in una lettera inviata all'assessore regionale Marco Protopapa in riferimento alla decisione del Consorzio di tutela Barolo, Barbaresco, Alba, Langhe e Dogliani di uscire dalla struttura denominata Piemonte Land of Wine. La vicenda, seguita alle dimissioni da presidente annunciate da Matteo Ascheri, ha suscitato preoccupazione nelle delegazioni, che hanno visto estendersi al "Consorzio dei Consorzi" l'annoso problema della rappresentanza all'interno degli stessi.

I Vignaioli Indipendenti auspicano che la Regione proceda a individuare un meccanismo decisionale per la governance "capace di far sentire tutti a casa propria, con la possibilità di contribuire a decisioni condivise, frutto di un mondo del vino coeso, finalmente convinto dei propri mezzi e non più impegnato in guerre locali che poco hanno a che fare con la possibilità di contribuire al progresso del settore".

Per la Fivi il problema principale della coesione e visione comune risiede nell'attuale impianto nazionale di governance dei Consorzi, "dove il potere è in mano a pochi grandi gruppi e le decisioni conseguono solo ai quintali di uva, agli ettolitri e al numero di bottiglie, senza criteri di contemperamento che diano anche alle singole teste e alle braccia il ruolo che meritano. Nessuno di coloro che assumono su di sé i rischi dell'impresa dalla terra al mercato, rinunciando giocoforza al gigantismo degli impianti e delle produzioni, si sente così adeguatamente valutato".

Fivi ha proposto già oltre tre anni fa all'allora ministro Centinaio criteri di votazione che mantengano un ruolo all'entità delle produzioni, ma richiedano anche una componente democratica basata sulle teste delle imprese.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli