Italia markets open in 3 hours 53 minutes
  • Dow Jones

    33.823,45
    -210,22 (-0,62%)
     
  • Nasdaq

    14.161,35
    +121,67 (+0,87%)
     
  • Nikkei 225

    29.107,98
    +89,65 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1923
    +0,0013 (+0,11%)
     
  • BTC-EUR

    31.746,10
    -1.042,52 (-3,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    938,96
    -30,92 (-3,19%)
     
  • HANG SENG

    28.685,36
    +126,77 (+0,44%)
     
  • S&P 500

    4.221,86
    -1,84 (-0,04%)
     

Flixbus potenza i collegamenti con le mete secondarie: "Investiamo nei piccoli centri"

·2 minuto per la lettura
(Photo: Screenshot)
(Photo: Screenshot)

Permettere ai viaggiatori di raggiungere facilmente una meta secondaria e meno battuta, ma non per questo meno interessante. È questo il sogno di Flixbus, l’operatore europeo della mobilità in bus, che vuole rilanciare un’idea di turismo lento e di prossimità. Per questa estate il colosso ha deciso di potenziare la rete di collegamenti in Italia, portando a 150 il numero delle destinazioni collegate sull’intero territorio nazionale. La novità è che, oltre ai collegamenti con le grandi città, saranno garantiti quelli verso le cosiddette “destinazioni secondarie”, a testimonianza di quanto siano ormai diventate un trend. Ecco allora che città come Cremona, Udine, Reggio Emilia, Modena, Ferrara e Ravenna andranno ad aggiungersi a Bergamo, Brescia, Como, Trento, Bolzano, Parma, Siena, Macerata e Perugia fra i capoluoghi di provincia collegati al Nord e al centro, mentre fra i piccoli comuni saranno collegati, fra gli altri, Merano, in Alto Adige, e Todi, in Umbria. Spazio anche per il Sud: saranno raggiungibili i capoluoghi di Caserta, Salerno, Andria, Lecce, Taranto, Matera, Cosenza, Reggio Calabria, Messina, Catania e Siracusa, a cui si affiancano, fra gli altri, i comuni di Altamura e Ostuni, in Puglia o di Corigliano e Rossano in Calabria.

Se è vero che di “mete secondarie” si parla spesso nell’ultimo periodo, è vero anche quelle destinazioni devono poter essere raggiunte in qualche modo. In mancanza di trasporti adeguati, un turista, specialmente un turista straniero, potrebbe scoraggiarsi e rinunciare a priori all’impresa di raggiungere un borgo o una meta fuori dalle classiche rotte. Per questo, sui piccoli e medi centri è giusto investire. D’altronde - ci spiega Andrea Incondi, Managing Director di FlixBus Italia - “comporta un duplice vantaggio. Da un lato, a beneficiare di tali collegamenti sono le persone che risied...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli