Italia markets closed

##Flop Bce su coronavirus, Lagarde inciampa su spread poi corregge -4-

Voz

Roma, 12 mar. (askanews) - La reazione sul mercato dei titoli di Stato italiani è stata drammatica. Si è scatenata una pioggia di vendite mentre le Borse crollavano e in un tempo relativamente breve il tasso retributivo dei Btp a 10 anni - che su queste emissioni si muove nella direzione specularmente opposta al prezzo - ha subito una impennata brutale, chiudendo in rialzo di 66 punti base all'1,89%.

Per trovare livelli analoghi bisogna risalire all'agosto dello scorso anno, quando la crisi di governo aveva portato a forti aumenti dei tassi. Questo, a fronte di tassi sui Bund relativamente poco mossi, ha fatto ampliare enormemente il differenziale rispetto alle emissioni della Germania, lo spread che ha chiuso con un balzo a sua volta a 262 punti base.

Intanto Milano registrava il peggior tracollo della sua storia, un meno 16,92% mentre il panico dilagava ovunque. Francoforte meno 12,24%, Londra meno 10,87%, Parigi meno 12,28%. A picco ance Wall Street con crolli di circa il 10% e a quel punto è dovuta intervenire la Federal Reserve - ulteriore smacco per la Bce - che ha annunciato iniezioni di liquidità da 1.500 miliardi di dollari in sole tre sedute. Ma nemmeno questo ha risolto granché, visto che nel pomeriggio il Dow Jones continua a tracollare dell'8% e il Nasdaq cade del 7,31%.

Poi è arrivata una rapida correzione del tiro, con un intervista di Lagarde Cnbc che tuttavia la rende visibile solo agli abbonati. Allora la Bce ne ha riportato i concetti chiave con una sequenza di messaggi via Twitter, tra cui uno che precisa sullo spread: "Sono piamente impegnata ad evitare qualsiasi frammentazione in un momento difficile dell'area euro. Gli spread elevati inficiano la trasmissione della politica monetaria", ha detto.(Segue)