Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.308,47
    +1.549,07 (+3,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2168
    +0,0100 (+0,83%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8694
    +0,0012 (+0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4751
    +0,0088 (+0,60%)
     

Flop Superlega, il titolo Juve crolla del 12%

Redazione
·2 minuto per la lettura
Flop Superlega, il titolo Juve crolla del 12%
Flop Superlega, il titolo Juve crolla del 12%

Le azioni della Juventus segnano ancora pesanti perdite e anche Andrea Agnelli alza bandiera bianca: "Progetto non più attuale"

La Superlega si sfalda e la Juventus paga pegno in Borsa. L’annuncio del nuovo torneo europeo fondato dai 12 club più importanti di Spagna, Italia e Inghilterra aveva portato il titolo della società bianconera fino a 0,91 euro lunedì. Ma la controffensiva di Fifa e Uefa, e soprattutto lo sdegno della maggior parte dei tifosi, hanno portato al blocco del progetto.

PESANTI PERDITE PER LA JUVE

Nella mattinata di oggi (mercoledì 21 aprile) le azioni della Juventus hanno aperto con una perdita dell’11% per poi rientrare verso -9% prima di tornare a perdere oltre il 12%. Un nuovo crollo che arriva dopo quello di ieri, quando le sei squadre inglesi avevano fatto un passo indietro, poi seguite anche dall’Inter. La sorte della Juventus è stata simile a quella del Manchester United, altro club fondatore della Superlega quotato in Borsa, che ieri a Wall Street ha perso il 6%.

PROGETTO DA RIVEDERE

"La situazione attuale nel calcio europeo necessita di un cambiamento. Una nuova competizione serve perché il sistema non funziona, la nostra proposta è pienamente conforme alle leggi. Ma alla luce delle circostanze attuali valuteremo i passi opportuni per rimodellare il progetto", con queste parole gli ideatori della Superlega hanno sostanzialmente annunciato il ritiro del progetto nella notte tra martedì e mercoledì. Andrea Agnelli (nella foto) presidente della Juventus e tra i principali promotori del progetto aveva dichiarato a Repubblica che il progetto andrà avanti al 100% e che i club continueranno a trattare con la Uefa e con la Fifa. Tuttavia, contattato dalla Reuters, ha cambiato rotta: "Resto convinto della bellezza del progetto, ma lo ammetto, non penso che sia ancora attuale". Agnelli, interrogato sulla possibilità che il progetto Superlega si realizzi ancora, ha dichiarato: "Per essere franchi e onesti no, ovviamente non è cosi'"