Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.534,57
    -451,13 (-1,96%)
     
  • Dow Jones

    33.746,69
    -252,35 (-0,74%)
     
  • Nasdaq

    12.689,36
    -275,98 (-2,13%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,33
    -11,77 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    91,09
    +0,59 (+0,65%)
     
  • BTC-EUR

    21.430,33
    -2.042,91 (-8,70%)
     
  • CMC Crypto 200

    511,43
    -30,18 (-5,57%)
     
  • Oro

    1.763,30
    -7,90 (-0,45%)
     
  • EUR/USD

    1,0041
    -0,0051 (-0,50%)
     
  • S&P 500

    4.229,64
    -54,10 (-1,26%)
     
  • HANG SENG

    19.773,03
    +9,12 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.730,32
    -47,06 (-1,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8491
    +0,0037 (+0,44%)
     
  • EUR/CHF

    0,9624
    -0,0025 (-0,26%)
     
  • EUR/CAD

    1,3040
    -0,0020 (-0,16%)
     

Fmi: l’Italia perde 3,7 punti di Pil con 12 mesi di stop gas russo

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 19 lug. (askanews) - L'Italia sarebbe tra i Paesi più duramente colpiti in Europa da una eventuale completa interruzione delle forniture di gas naturale dalla Russia. Secondo i calcoli del Fondo monetario internazionale subirebbe una perdita di 3,7 punti percentuali in termini di Pil, nell'ipotesi di interruzione dei flussi sui prossimi 12 mesi.

La stima è contenuta in un paper di lavoro pubblicato oggi dall'istituzione di Washington: "Natural Gas in Europe: The Potential Impact of Disruptions to Supply".

Il conto più salato lo pagherebbe l'Ungheria, con una perdita di 4,2 punti percentuali di Pil. A seguire Repubblica Ceca e Slovacchia, entrambe con 4,1 punti di Pil persi. Dopo l'Italia i danni più elevati toccherebbero la Germania, con 2 punti di Pil persi e l'Austria con 1,9 punti persi. La Francia e la Spagna limiterebbero i danni a 0,8 punti di Pil.

Rimpiazzare il gas russo sta diventando sempre più impegnativo, rileva lo studio. È probabile che sui prossimi 12 mesi si possano sostituire i due terzi delle forniture dalla Russia. "Tuttavia c'è incertezza sulle forniture globali e sulla capacità di paesi e imprese di passare ad altre fonti di approvvigionamento - si legge -. Peraltro le costrizioni nelle catene di approvvigionamento limitano la capacità di trasportare gas da fonti alternative, lasciando particolarmente esposti alcuni paesi dell'Europa centrale e orientale, incluse Germania e Italia, che sono particolarmente dipendenti dalla Russia".

Comprimere la domanda potrebbe aiutare "tuttavia una piena e prolungata interruzione durante il picco della stagione invernale potrebbe provocare costose penurie regionali - dice ancora il Fmi - prezzi molto elevati e, in alcuni paesi, razionamenti".

L'istituzione precisa che è molto difficile effettuare calcoli accurati su quello che sarebbe l'effettivo impatto sul Pil dei paesi in questo scenario, dato che dipenderebbe da un complesso insieme di fattori a livello di forniture, prevalentemente su come verrà usato il gas sulla produzione, su quanto potrà essere sostituito da altri fornitori e su quanto saranno pesanti gli impatti iniziali sull'eonomia dei settori più colpiti.

"In uno scenario di stop completo si verificherebbero gravi penurie in alcuni paesi, che potrebbero accusare cali fino a 6 punti di Pil. Gli effetti sarebbero rilevanti anche in Austria, Germania, e Italia - dice lo studio - ma dipenderebbero dalle politiche di risposta e dall'esatta situazione delle rimanenti strozzature e da altre frizioni, e conseguentemente dalla capacità del mercato di adattarsi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli