Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,02 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,81
    +1,55 (+1,98%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.284,72
    -91,19 (-0,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,60
    +36,90 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9573
    +0,0017 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4682
    +0,0013 (+0,09%)
     

Fmi mantiene stima crescita Italia a 0,7% in 2024, rischi globali da crisi MO

Un uomo cammina davanti al logo del Fondo monetario internazionale a Washington

MILANO (Reuters) - Il Fondo monetario internazionale lascia invariata la stima di crescita sull'Italia per quest'anno allo 0,7% rispetto a quanto ipotizzato lo scorso ottobre, e vede rischi per la crescita globale derivanti dalle tensioni in Medioriente e Mar Rosso.

Nell'aggiornamento al 'World Economic Outlook', il Fondo mette in luce come la crescita italiana sarà nel 2024 inferiore a quella dell'intera zona euro (+0,9%) e di Francia e Spagna (rispettivamente +1,0% e 1,5%), ma superiore a quella tedesca (+0,5%).

Il prossimo anno invece l'Italia dovrebbe tornare a essere il fanalino di coda del blocco con una stima di crescita di +1,1%, da confrontare con il +1,7% della zona euro.

La stima per la crescita italiana di quest'anno a cura del Fondo è decisamente al di sotto di quella del governo di 1,2%.

Tra i rischi per il Pil globale il Fondo cita un allargamento del conflitto in Medioriente e degli attacchi nella zona del Mar Rosso.

"Il conflitto tra Gaza e Israele potrebbe allargarsi ulteriormente nella regione cui si deve circa il 35% della esportazione mondiale di petrolio e il 14% di quella di gas", si legge.

Inoltre, i continui attacchi nel Mar Rosso - attraverso cui passa l'11% dei flussi commerciali globali - e il protrarsi della guerra in Ucraina rischiano di provocare nuovi choc per la ripresa globale, con balzi dei prezzi di cibo, energia e trasporti.

(Sara Rossi, editing Francesca Piscioneri)