Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.899,08
    +637,18 (+2,04%)
     
  • Nasdaq

    11.512,91
    +158,29 (+1,39%)
     
  • Nikkei 225

    27.001,52
    +262,49 (+0,98%)
     
  • EUR/USD

    1,0686
    +0,0124 (+1,18%)
     
  • BTC-EUR

    28.161,95
    -45,14 (-0,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    675,51
    +0,63 (+0,09%)
     
  • HANG SENG

    20.470,06
    -247,18 (-1,19%)
     
  • S&P 500

    3.972,78
    +71,42 (+1,83%)
     

Fmi taglia previsioni crescita globale a causa di "onde sismiche" della guerra in Ucraina

·4 minuto per la lettura
FILE PHOTO: The International Monetary Fund logo is seen inside its headquarters at the end of the IMF/World Bank annual meetings in Washington

WASHINGTON (Reuters) - Il Fondo monetario internazionale ha ridimensionato le previsioni sulla crescita economica globale di quasi un intero punto percentuale, facendo riferimento alla guerra tra Russia e Ucraina e avvertendo che l'inflazione rappresenta adesso un "pericolo chiaro e tangibile" per molti Paesi.

La guerra dovrebbe frenare la crescita e aumentare ulteriormente l'inflazione, ha detto il Fondo nell'ultimo World Economic Outlook, aggiungendo che le nuove stime sono caratterizzate da "incertezza eccezionalmente elevata".

Ulteriori sanzioni sull'energia russa e il dilagare della guerra, una frenata economica più netta del previsto in Cina e una nuova ondata di casi Covid potrebbero rallentare ulteriormente la crescita e aumentare l'inflazione, l'aumento dei prezzi potrebbe innescare tensioni sociali.

Il Fondo, che ha abbassato le stime di crescita per la seconda volta quest'anno, ha detto che ora prevede una crescita globale del 3,6% nel 2022 e 2023, un calo di 0,8 e 0,2 punti percentuali rispetto alle previsioni di gennaio, dati gli impatti diretti della guerra su Russia e Ucraina e le conseguenze a livello globale.

La crescita globale dovrebbe scendere a circa 3,3% nel medio termine, rispetto a una media del 4,1% del periodo dal 2004 al 2013 e alla crescita del 6,1% del 2021.

"Le prospettive economiche globali sono state gravemente compromesse, in gran parte a causa dell'invasione russa dell'Ucraina", scrive il capo economista Fmi Pierre-Olivier Gourinchas in un post dedicato alle prospettive aggiornate.

La guerra ha aggravato l'inflazione che già stava aumentando in molti Paesi a causa degli squilibri tra domanda e offerta legati alla pandemia, con gli ultimi lockdown in Cina che probabilmente causeranno nuovi colli di bottiglia nelle catene di approvvigionamento globale.

La guerra, che la Russia definisce 'operazione militare speciale' ha causato una tragica crisi umanitaria nell'Europa dell'Est, facendo migrare circa 5 milioni di ucraini nei paesi vicini, ricorda il Fondo.

Sia la Russia sia l'Ucraina dovrebbero registrare forti contrazioni economiche e l'Unione europea - che è fortemente dipendente dall'energia russa - ha visto le previsioni di crescita per il 2022 tagliate di 1,1 punti percentuali.

"La guerra si aggiunge alla serie di shock delle forniture che hanno colpito l'economia globale negli ultimi anni. Come onde sismiche, gli effetti si propagheranno in lungo e in largo - attraverso i mercati delle materie prime, il trading e i collegamenti finanziari", ha detto Gourinchas.

La riduzione delle scorte di petrolio, gas e metalli prodotti dalla Russia, e del grano e del mais - prodotti sia dalla Russia che dall'Ucraina - ha fatto salire bruscamente i prezzi in Europa, nel Caucaso e nell'Asia centrale, in Medio Oriente, Nord Africa e nell'Africa sub-sahariana, penalizzando le famiglie a basso reddito di tutto il mondo.

Il Fondo ha quindi rivisto al ribasso le prospettive a medio termine per tutti i gruppi, ad eccezione degli esportatori di materie prime che beneficiano dell'impennata dei prezzi dell'energia e degli alimenti.

Le economie avanzate impiegheranno più tempo a tornare ai livelli di produzione precedenti la pandemia, mentre la divergenza tra paesi avanzati e in via di sviluppo è destinata a persistere, una sorta di "cicatrice permanente" dovuta alla pandemia.

L'inflazione resterrà più alta più a lungo, guidata dall'aumento dei prezzi delle materie prime causato dalla guerra e da un ampliamento delle pressioni sui prezzi, la situazione potrebbe peggiorare se gli squilibri tra domanda e offerta si aggravassero.

Per il 2022 il Fondo prevede un'inflazione del 5,7% nelle economie avanzate e dell'8,7% nei paesi emergenti e in via di sviluppo, un balzo di 1,8 e 2,8 punti percentuali rispetto alle stime di gennaio.

"L'inflazione è un pericolo chiaro e tangibile per molti Paesi", ha scritto Gourinchas nel post online.

Federal Reserve negli Stati Uniti e molte altre banche centrali si sono già mosse verso un inasprimento della politica monetaria, ma i disagi legati alla guerra stanno aumentando queste pressioni.

C'è un rischio crescente che le aspettative di inflazione si possano sbilanciare, inducendo una risposta più aggressiva di inasprimento, che potrebbe mettere sotto pressione una fascia maggiore di economie dei mercati emergenti.

Le condizioni finanziarie si sono irrigidite per i mercati emergenti e i paesi in via di sviluppo subito dopo l'invasione russa dell'Ucraina, il riposizionamento dei prezzi è stato "per lo più ordinato", ma un ulteriore irrigidimento è possibile, così come la fuga di capitali.

La guerra ha inoltre aumentato il rischio di una frammentazione più duratura dell'economia mondiale in blocchi geopolitici con standard tecnologici distinti, sistemi di pagamento transnazionali e valute di riserva.

Un tale "spostamento tettonico" causerebbe perdite di efficienza a lungo termine, aumenterebbe la volatilità e rappresenterebbe una grande minaccia per la struttura basata sulle regole che ha governato le relazioni internazionali ed economiche negli ultimi 75 anni", ha detto Gourinchas.

(Tradotto da Alice Schillaci, editing Alessia Pé)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli